QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 23°28° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 30 agosto 2016

Attualità giovedì 10 marzo 2016 ore 14:27

Geotermia, cittadini sotto le finestre del sindaco

La protesta dei cittadini sotto il Palazzo Comunale

Magma Energy annuncia l'inizio dei lavori, sale la rabbia e la protesta: "Progetto incompatibile con il territorio".

RADICONDOLI — Stamani alla notizia che Stefano Boco, ex senatore dei verdi ed ora presidente di Magma Energy Italia società industriale titolare del progetto geotermico Mensano, sarebbe andato dal sindaco di Radicondoli ad annunciare l'inizio dei lavori, i cittadini compatti hanno detto basta.

E così, oltre a diramare una nota di dissenso, sono scesi in strada e si sono recati sotto il palazzo comunale per una pacifica manifestazione di protesta. "Il paese di Radicondoli che conosce bene la geotermia essendo sede storica di ben sette centrali Enel - si legge in una nota - si oppone con determinazione a questi nuovi progetti piovuti dall'alto perchè incompatibili col tipo di economia rispettosa dell'ambiente su cui hanno investito le famiglie che vivono e lavorano nel territorio rurale rimasto integro". Cittadini di tutte le età si sono ritrovati sotto le finestre del sindaco, solidale con loro e consapevole dei problemi che i nuovi insediamenti di Magma Energy - Graziella Green Power causerebbero al territorio.

"Il paese che finora ha saputo far convivere la geotermia con altre economie presenti , come il turismo e l'agricoltura, rischia di veder distrutto l'attuale equilibrio trasformandosi in un grande ed esteso distretto industriale di tipo speculativo e invasivo. Ci si chiede perché - dicono ancora i cittadini - si voglia distruggere un'economia, una ricchezza, una storia costruita nei secoli che solo pochi paesi al mondo hanno, a favore di qualcosa di incompatibile con tutto ciò, impianti sperimentali che in questo momento storico non sono neppure indispensabili".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità