QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 15° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 11 dicembre 2016

Politica venerdì 26 febbraio 2016 ore 15:13

Barberino-Tavarnelle, c'è il si

I due Comuni verso la fusione: ripercussioni in tutta la Valdelsa, tra opportunità e opportunismo

VALDELSA — Sul processo di fusione tra Barberino e Tavarnelle, come naturale conseguenza di un percorso di collaborazione consolidato e condiviso nel corso degli anni, ci credono fermamente i consiglieri comunali. A cavallo tra la Valdelsa e il Chianti le due entità fanno un ulteriore passo in direzione di quella che potrà essere ritenuta una reunion storica, considerate le radici e i legami amministrativi che per secoli hanno tenuto insieme il territorio e le sue comunità. E' stato approvato a maggioranza nella seduta del Consiglio comunale di Barberino il documento sul tema della fusione elaborato dal capogruppo Francesco Grandi e condiviso nei contenuti da Tiberio Bagni e Giacomo Cencetti, rispettivamente capogruppo di maggioranza del Centrosinistra per Tavarnelle che andrà a discuterlo fra alcune settimane nella sala consiliare Luigi Biagi e capogruppo del gruppo di maggioranza del Consiglio dell'Unione comunale del Chianti fiorentino.

“Non crediamo nei percorsi forzati di fusione tra comuni - commentano i capigruppo - attraverso proposte di legge che mirino ad unificare obbligatoriamente e indiscriminatamente enti locali, al contrario sosteniamo il ruolo centrale dei Comuni ai quali affidare il compito di ridisegnare e riorganizzare la governance locale con l'obiettivo di giungere ad un assetto istituzionale stabile basato sulle scelte autonome dei sindaci e dei consigli comunali”.

La fusione, processo seguito da altri comuni toscani, è ritenuta dai consiglieri comunali un'operazione necessaria e strategica ai fini dell'efficienza amministrativa, della qualità dei servizi, dell'ottimizzazione delle risorse. Una situazione qualora andasse in porto il tutto in tempi rapidi che avrebbe ripercussioni anche in Valdelsa: non solo sulle strategir di area e di confine, vedi Poggibonsi, ma anche e soprattutto perchè si aprirebbero nuove strade che potrebbero essere seguite anche da altre entità, Casolele Radicondoli su tutti. E poi si sono anche i conti da far quadrare, con il sostanzioso contributo che arriva dalla Regione Toscana, che come minimo garantisce ad ogni comune originario 250mila euro all'anno per cinque anni. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Spettacoli

Spettacoli