QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 15°27° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 31 agosto 2016

Cronaca venerdì 19 febbraio 2016 ore 09:48

Ladro di rame in un capannone abbandonato

Arrestato un uomo mentre stava rubando "oro rosso" nella zona industriale di Monteriggioni

VALDELSA — E finito in manette R.B. classe 1954, senese, arrestato dai carabinieri della compagnia di Poggibonsi in flagranza di reato mentre prendeva materiale in rame da uno stabilimento industriale di Monteriggioni. La vicenda si è svolta nel comune di Monteriggioni, dove c'è uno stabilimento industriale per la produzione di apparecchiatura elettrica ed idromeccanica al momento non in attività poiché fallita da un paio di anni. Ma all’interno dell’impianto sono ancora presenti apparecchiature e linee di produzione e, tanto è bastato al ladro di “oro rosso” per decidere di accedervi alla ricerca del prezioso materiale.

Il ladro ha fatto accesso all’interno dello stabilimento dopo aver forzato un cancello pensando di passare inosservato ma, ai militari dell’Arma impegnati nei servizi di controllo del territorio però, quel furgoncino lasciato defilato nei pressi dell’impianto non è passato inosservato ed hanno quindi deciso di fare un controllo.

Quando i militari si sono avvicinati al mezzo hanno constatato che il veicolo aveva ancora il motore caldo ed era chiuso a chiave. Dopo i controlli del caso i Carabinieri hanno deciso di fare un verifica più approfondita e visto che il veicolo risultava intestato ad un soggetto gravato da alcuni precedenti penali per reati contro il patrimonio.

Dopo una breve ricognizione, i militari dell’Arma si sono accorti di una porta di accesso forzata ed hanno quindi deciso di accedere all’interno dello stabilimento per un ulteriore controllo.

Torce in mano, i carabinieri si sono introdotti nel capannone in disuso sentendo degli strani rumori ed hanno quindi proceduto a qualificarsi intimando di uscire con le mani ben in vista.

All’intimazione dei Carabinieri è seguito un fragoroso rumore di oggetti che cadevano al suolo ed l’inconfondibile rumore di passi in fuga.

Sul posto è quindi stata fatta convergere una seconda pattuglia di rinforzo e si è proceduto quindi a controllare l’intero stabilimento .

Dopo una lunga ed attenta ricerca, nascosto in una botola sul pavimento, i militari hanno trovato R.B. arrestandolo in flagranza di reato per furto.

Nel giro all’interno dell’edificio infatti, i carabinieri avevano rinvenuto diversi attrezzi da scasso e numerose bobine di cavo rimosso dagli impianti dell’edificio, oltre ad altro materiale ferroso rimosso dai macchinari. Il controllo eseguito sul furgone ha poi permesso di recuperare altro materiale ferroso asportato dagli impianti della fabbrica.

Portato in caserma, il ladro si è giustificando dicendo che credeva che quel materiale sarebbe andato alla distruzione e non pensava di creare danno a nessuno essendo lo stabilimento in disuso. Non è stato dello stesso parere il curatore fallimentare che, con i macchinari e l’immobile, ha il compito di ripianare le finanze per compensare i vari debitori della ditta.

Il ladro è stato quindi trattenuto presso le camere di sicurezza e poi portato davanti al giudice per l’udienza direttissima che ha convalidato l’arresto ed ha sottoposto l’uomo alla misura dell’obbligo di firma alla P.G.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità