Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:24 METEO:POGGIBONSI18°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite Conte-Lautaro, il finto match di boxe ad Appiano

Attualità lunedì 19 aprile 2021 ore 19:12

Giovane colligiana corona il suo sogno

Il lockdown è servito come stimolo a Vittoria Nencioni, che ha aperto una sua attività proprio in questi giorni



COLLE VAL D'ELSA — Il lockdown non è riuscito a livellare i sogni di una giovane colligiana, la quale, con non poco coraggio, ha colto il momento per coronare un suo sogno: aprire una propria attività. Vittoria Nencioni ha 31 anni è sta per aprire un negozio di moda.

Vittoria, come è maturata l'idea di mettere su una tua attività?

"Da tempo questo pensiero mi frullava nella testa. So che il periodo non è dei migliori. Ma penso che dopo un periodo buio ci deve essere qualcosa di positivo. Ero già da un pò in stand-by: poi è arrivata una chiamata del “destino”.

Ti riferisci alla chiamata di tuo padre, l'architetto Luciano Nencioni?

"Si, mio padre un giorno mi ha chiamata, dicendomi della disponibilità, che si era presentata, di un fondo sfitto in pieno centro a Volterra. Mi sono sentita di dover provare".

Perchè il settore della moda?

"Sono sempre stata attratta dal mondo della moda, fin da piccola. Ho lavorato per molti anni in un negozio di abbigliamento di Colle bassa, ma ho sempre sperato di potermi mettere in proprio. Adesso l'occasione è arrivata".

Che legame hai con Volterra

"Mi è sempre piaciuto il modo con cui i volterrani si approcciavano a Volterra. Rendendola una città vissuta in pieno tutto l'anno, con un mix positivo tra residenti e turisti, che non è da sottovalutare".

Noti differenze con Colle?

"Sono molto legata a Colle, che è la mia città, ma noto le differenze. Soprattutto a livello turistico, dove le nostre potenzialità non sono sviluppate come dovrebbero. Noto anche che purtroppo molti colligiani preferiscono andare fuori a fare acquisti. Personalmente, finchè mi è possibile compro a Colle e faccio lavorare i suoi negozi". 

Come è cambiata la città?

"Non è vissuta al massimo dai propri cittadini. Quando i miei genitori erano giovani, Colle aveva in Valdelsa un ruolo di riferimento, quello che oggi occupa Poggibonsi. Diciamo che è diventata una città un po' dispersiva".

Recentemente è nato un nuovo Ambito Turistico Valdelsa-Valdicecina, che ne pensi?

"Penso che legami tra queste zone ci sono da sempre. Del resto qui ci sono città che possiedono centri storici importanti, come San Gimignano, Colle e Volterra. Il turismo deve però poter godere di collegamenti migliori e più rapidi. Purtroppo non esiste più il turista stanziale, ma vuole muoversi e vedere. Serve collegare al meglio i nostri centri, poiché è il turismo itinerante di oggi a chiederlo".

Qui vicino è nato un filone di moda naturale che ha preso il nome di Made in Casole

"Credo che vadano sostenute iniziative simili, poiché la lavorazione con colorazioni naturali e sostenibili è un qualcosa da apprezzare. La moda mondiale conta e punta sul Made in Italy. Quindi ben venga quanto nasce in zona, ricordandoci comunque di tutelare il prodotto italiano che è la nostra vera eccellenza, che necessita di supporto".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tragico schianto questa mattina. Se ne va uno dei fondatori di un'azienda tra le più note della Valdelsa
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS