Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:POGGIBONSI14°25°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sesso e mafia - Esca viva: Maria Concetta attirata in trappola da sua madre

Attualità sabato 21 novembre 2015 ore 10:15

L’abbraccio alle vittime del terrorismo

Tanta gente in piazza Boccaccio per il presidio “Insieme, per la pace”, organizzato dal Comune in collaborazione con scuole e associazioni certaldesi



CERTALDO — Tanta gente  in piazza Boccaccio per il presidio “Insieme, per la pace, contro ogni terrorismo”, organizzato dal Comune in collaborazione con tutte le principali associazioni certaldesi, e con Istituto Comprensivo di Certaldo, Prepositura di San Tommaso Apostolo, Istituto Maria Santissima Bambina, Istituto buddista italiano Soka Gakkai di Certaldo, per manifestare la propria vicinanza e solidarietà alle vittime di Parigi e a tutte le vittime del terrorismo e delle guerre.

Un momento di riflessione che ha coinvolto tantissimi certaldesi che si sono stretti in piazza Boccaccio, al centro della quale è stato realizzato con le candele accese il simbolo della pace con al centro la Torre Eiffel, accanto alla quale è stato poi deposto un mazzo di fiori.

Dal parterre del municipio, hanno poi preso parola i rappresentanti delle istituzioni: il dirigente dell'Istituto Comprensivo, Federico Frati, il proposto don Pierfrancesco Amati , il sindaco della città senegalese di Refane, Djiby Thiaw, che si trova a Certaldo per rinnovare il patto di amicizia tra i due comuni, e il sindaco Giacomo Cucini.

“Ringrazio tutte le persone che si sono radunate in piazza Boccaccio – sottolinea il sindaco Giacomo Cucini, a commento della manifestazione – per esprimere la propria vicinanza e solidarietà alle vittime di Parigi. Non è facile rappresentare oggi la nostra comunità e dare voce alle paure e ai sentimenti che ci attraversano. Questi attentati sono un attacco all'Europa, ai nostri diritti e sicuramente non dobbiamo lasciarci intimidire. Al tempo stesso siamo coscienti che la situazione geopolitica internazionale è assai complessa e che non esistono facili ricette per mettere fine a questi attacchi e risolvere i problemi che stanno alle origini di questa situazione. Quello che dobbiamo e possiamo fare, a livello locale, è sicuramente ricordarci e ricordare a tutti che le differenze sono alla base della nostra democrazia e dello stato di diritto, e affermare quindi che la compresenza di popolazioni, culture e religioni diverse, deve essere possibile, in Italia e nel mondo. Quello che ci auspichiamo avvenga, a livello più alto, è che si intraprenda una seria e articolata politica di contrasto a questo terrorismo come ad ogni guerra o forma di conflitto armato, un'azione che anzitutto tuteli le popolazioni dall'aggressione e che al tempo stesso lavori, a più livelli e coinvolgendo tutti gli interlocutori, per comprendere e contrastare questo stato di cose. C'è tanto bisogno di azioni concrete, quanto di evitare azioni che non tengano conto della complessità della situazione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno