Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:25 METEO:POGGIBONSI16°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Con le pistole in pugno rubano tutte le borse del negozio di Gucci a Manhattan

Cultura mercoledì 21 gennaio 2015 ore 17:32

Guide turistiche, appuntamento al Cassero

Gli operatori al centro di un corso di perfezionamento che parte proprio dalla valorizzazione del patrimonio locale partendo dall'Archeodromo



POGGIBONSI — Una giornata di studio e di approfondimenti per le guide turistiche senesi che avrò come sfondo il Cassero della Fortezza medicea di Poggio Imperiale. “Guide professionalità e preparazione: vivere nella campagna toscana nell’alto medioevo” è infatti il titolo dell’iniziativa di settore promossa da Federagit Siena e dall’agenzia formativa Cescot per il prossimo 20 febbraio, a partire dalle ore 10.

Una qualificata occasione di aggiornamento professionale per le guide turistiche senesi e un importante momento di valorizzazione per l’ingente patrimonio storico-archeologico della Valdelsa senese, ed in particolare di Poggibonsi sono gli scopi che si sono dati gli organizzatori che hanno dato appuntamento all'interno della nuova struttura dell'Archeodromo, luogo di ritrovamento negli anni Novanta dell’antica ‘Podium Bonitii” ma anche dell’insediamento altomedievale costituito da capanne ed aree produttive, e qui rimasto attivo dal sesto al decimo secolo dopo Cristo.

L’eccezionale rinvenimento è diventato dalla metà del 2014 una nuova attrattiva turistico-culturale, dal momento che il parco archeologico aperto nei primi anni Duemila è stato integrato con un Archeodromo, ricostruzione open air dell’antico villaggio, ovvero delle sue sembianze. La ‘longhouse’ in particolare, ovvero la ricostruzione di una grande capanna padronale, è dal mese di ottobre centro di didattica, archeologia sperimentale e soprattutto di “reenactment”: “si tratta di un’attività a metà tra rievocazione ed archeologia sperimentale – spiega Alessandra Nardini (Archeotipo), membro del team di scavo – nella quale i ‘reenactors’ riproducono abiti, attrezzature ed attività dell’epoca di origine del luogo. Il risultato è una rappresentazione che è particolarmente verosimile, in virtù della loro competenza e quindi capacità di fornire informazioni storiche e scientifiche sull’attività che stanno svolgendo”. Sarà proprio l’archeologa Nardini, il prossimo 20 febbraio, ad approfondire l’argomento direttamente sul posto a beneficio delle guide turistiche abilitate, che avranno modo così di partecipare ad un prezioso momento di confronto ed aggiornamento professionale, in concomitanza con la Giornata mondiale della Guida. La giornata sarà introdotta da Barbara Cucini (coordinatrice Federagit per Siena e provincia) e completata con una degustazione di prodotti biologici del territorio circostante, a cura dell’azienda agricola La Marronaia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si affaccia all'orizzonte un fronte perturbato che prenderà il posto degli ultimi giorni al sapor di primavera. Il freddo arriverà di notte
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità