QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 14° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità sabato 10 gennaio 2015 ore 16:12

Imu agricola, polemiche anche in Valdelsa

Fa discutere l'Imu sui terreni agricoli

Il 26 gennaio la scadenza del versamento, ma per l'Unione Provinciale Agricoltori di Siena non è detta l'ultima parola: "Tassa ingiusta"



VALDELSA — Quasi tutte la amministrazioni comunali valdelsane all'interno dei loro siti istituzionali stanno ricordando la scadenza del 26 gennaio prossimo, data in cui dovrà essere pagata l'Imu sui terreni agricoli. L'Imposta Municipale Unica sui terreni agricoli, in realtà, era già stata fissata per lo scorso 16 dicembre, salvo poi, dopo le polemiche che ne sono scaturite, essere spostata appunto alla fine di questo mese. Sempre contraria a questo tipo di gabella l'Unione Provinciale Agricoltori di Siena che anche in Valdelsa continua a fare la voce grossa su una tassa che, a loro, avviso è inaccettabile. “Dovevamo essere più vigili – ha detto in merito Gianluca Cavicchioli, il Direttore dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena - o forse è stato interesse di chi ci governa tenere 'nascosto' questo provvedimento. Il decreto attuativo di fatto non è stato pubblicato ed è intervenuta una proroga sui versamenti e anche in virtù di questo riteniamo che lo stesso legislatore non sia ben certo del comportamento da tenere. Troppe le cose che non vanno”.

Per l'associazione di categoria, dunque, pensare che per i seminativi, si debba pagare circa 80 euro è cosa a dir poco folle, oltre al resto dei tributi, ovviamente. La discriminante nel pagare o meno, sta nell’altezza della casa municipale. Un modo certamente sbrigativo e primordiale per dare risposte ad imbarazzanti quesiti. Tante soluzioni potevano essere utilizzate, in un mondo iper tecnologico, che riuscirà, addirittura, a far avere il Modello 730 comodamente pre compilato: si aspettavano di più. Tutto adesso è rimandato al 26 gennaio, giorno in cui dovranno essere versate le somme dovute, anche se per L'unione Provinciale Agricoltori, non è detta l'ultima parola: “Numerosi Consiglieri della Regione Toscana, di diverso orientamento politico, hanno sottoscritto una mozione volta ad ottenere una revisione della procedura di determinazione dell’imposta e un gruppo di deputati hanno presentato un interrogazione parlamentare nella quale si chiedono spiegazioni ed indicazioni sull’opportunità del provvedimento e sulla sua equità fiscale. Confidiamo in un ripensamento, in una revisione della procedura. Il pressappochismo potrebbe essere tollerato, continuare nella cecità e nell’arroganza no”.



Tag

Remix, video e parodie: quando lo sfottò social rende il politico «pop»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca