Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:POGGIBONSI16°23°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius

Spettacoli venerdì 27 marzo 2015 ore 09:51

"Nonne squillo", risate con il vernacolo

Al Teatro Comunale Regina Margheritandoppio appuntamento con la compagnia "La Ginestra" con una commedia brillante di Dory Cei



BARBERINO VAL D'ELSA — Viva il vernacolo e risate assicurate con “Nonne squillo”, commedia brillante in tre atti scritta da Dory Cei, per la regia di Massimo Galli e con gli attori del gruppo teatrale La Ginestra di Ginestra Fiorentina in scena domani alle 21,30 con replica domenica alle 17 al Teatro Comunale Regina Margherita di Marcialla a Barberino Val D’Elsa.

“Il copione racconta che villa e parco con rimessa – spiegano dalla Compagnia, in maniera del tutto originale capendo subito di che spettacolo si possa trattare - l’ha lasciato la contessa ad arzille vecchiettine e alle loro bestioline. Senza chiedere permesso prendan subito possesso del maniero ereditato che l’amica gli ha lasciato. E si fanno dei progetti sin dal basso fino ai tetti radical trasformazione col cambiar della gestione. Le vecchiette assai toste fanno i conti senza l’oste e non san che in quella casa si nasconde qualche cosa. Prima o poi verrà fuori? O starà in fondo ai cuori di chi sa ma non parla che non venga tutto a galla. Se a scoprir la situazione è un’amara delusione qualche piccola bugia fa star bene in allegra”.

Il Gruppo Teatrale “La Ginestra” è una compagnia teatrale amatoriale che interpreta commedie in vernacolo fiorentino riadattate in vernacolo ginestrino. Nasce nel gennaio del 1984 con lo scopo di far socializzare tra loro i giovani del posto e non solo. Infatti, durante questi ventisette anni, si sono avvicinate moltissime persone che in totale gratuità hanno contribuito alla solidità del gruppo. L’associazione non ha scopi di lucro, gli incassi vengono infatti destinati alla manutenzione del locale, alla Parrocchia, a varie opere di beneficenza ed a numerose attività sociali. Da allora hanno portato in scena oltre 40 commedie in vernacolo fiorentino e si sono esibiti in tante località fino ad arrivare al Teatro Verdi di Firenze. L’intento della Compagnia è quello di conservare nel tempo il linguaggio dei nostri avi; i modi di dire, i proverbi, le parole artefatte, i costumi e gli usi che con il tempo si sono persi, ecco perché le commedie che mettono in scena sono quasi tutte ambientate tra gli anni Venti e gli anni Trenta tratte da racconti di vita comune, situazioni e personaggi buffi a volte imbarazzanti ovviamente romanzati ed esaltati comicamente dagli autori del tempo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno