Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:44 METEO:POGGIBONSI17°31°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Stromboli, notte di paura per un incendio: «Le fiamme partite forse dal set di una fiction»

Attualità lunedì 09 maggio 2022 ore 16:25

Una lettera per chi si occupa di cure palliative

Un cittadino poggibonsese ci tiene a ringraziare pubblicamente i sanitari che si sono presi cura della moglie affetta da un tumore all'ultimo stadio



POGGIBONSI — Una storia di sofferenza e di amore, ma anche una volta tanto di un ottimo servizio  nei confronti delle persone che devono affrontare  l'ultimo tratto della loro vita. Questa è la lettere che un cittadino di Poggibonsi, Riccardo Cilemmi, ha inviato alla redazione per raccontare l'esperienza vissuta da lui e la sua famiglia, con i sanitari che si occupano dell'assistenza domiciliare.

"La presente, per portare a conoscenza al più largo numero di persone, del servizio di Assistenza domiciliare sanitaria dell’Asl7, (Adi; Assistenza domiciliare integrata), che svolge il proprio lavoro in maniera a dir poco ammirevole, precisa e professionale. E’ giusto denunciare i disservizi che il cittadino spesso si trova ad affrontare, ma è altrettanto giusto, credo, pubblicizzare le eccellenze, quando ci sono e questo servizio è davvero una eccellenza per il nostro territorio. A seguito dell'assistenza domiciliare, Cure Palliative Domiciliari, avuta da mia moglie gli ultimi 15 giorni di Aprile, (deceduta il 16 Aprile scorso a Poggibonsi, per un grave decorso oncologico), mi sento davvero in dovere di ringraziare pubblicamente tutto lo staff, sia infermieristico che medico, che opera per questo servizio, perché hanno svolto un lavoro che va molto al di là dell'ottima professionalità, operando con una umanità, comprensione e generosità che è andata molto al di là dei compiti a cui erano chiamati, facendo vivere a mia moglie gli ultimi giorni della propria vita in modo lieve e il più possibile decoroso, nel suo letto, nella sua casa, circondata dalla sua famiglia. Uno staff con una sorprendente umanità che si dedica al malato ma anche a chi il malato assiste da casa, offrendo un aiuto morale, oltre che professionale, di estremo aiuto nei momenti critici della grave malattia".

Una storia che purtroppo non ha un lieto fine, ma si tratta di un racconto dove la gratitudine del marito e l'abnegazione dei sanitari che si occupano ogni giorno di casi del genere, danno un senso di speranza e serenità. Un sentimento quest'ultimo fondamentale per chi è costretto ad affrontare l'ultimo percorso della sua vita in sofferenza. E' importante quindi rendere gli onori a chi cerca in ogni modo di alleviarle negli ultimi passaggi della vita.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurata la targa indicante simbolicamente l'antica "fonte del Pinocchio" e la "Costa del Pinocchio"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità