QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 17°20° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 22 settembre 2018

Attualità domenica 01 febbraio 2015 ore 18:37

Progetto Enopolis, Poggibonsi ci crede

Associazioni cittadine ed esperti a confronto per riscoprire l'antica indentità storica e commerciale della città



POGGIBONSI — Il 26 gennaio scorso nella sala del Consiglio Comunale di Poggibonsi si è tenuta una riunione sul “Progetto Enopolis”. Alla presenza dell'Assessore Berti e del Consigliere Alessandra Ticci sono intervenuti rappresentanti di alcune associazioni locali tra cui Pro Loco, Laboratorio “Marmocchi” con l'Ingegner Pucci, Amici di Poggibonsi rappresentati oltre che dal Presidente Benvenuti anche da Marino Corsi, Mauro Bianchini, Antonio Vignogna, Laura Martelli, Antonella Lomonaco, Marco Panti . L' Astop con la sua Presidente Lucia Pratelli e il Professor Fabio Dei docente Ordinario dell'Università di Pisa e Presidente della Societa' Storica della Valdelsa, Carlo Macchi giornalista e scrittore esperto di enologia, Giovanni Cencetti scrittore e giornalista del Corriere di Siena, Paolo Corbini Vice Direttore della Città del Vino e Paolo Benvenuti Presidente Enoteca Italiana nonchè Direttore Città del Vino, Mauro Minghi, ex Direttore Didattico, David Taddei Direttore Fondazione Elsa. Dopo la presentazione del progetto il Presidente Pro Loco Dr. Flaminio Benvenuti, ha indicato nella realizzazione di un'importante volume sulla storia del vino il prossimo step del progetto iniziato con la pubblicazione del libretto realizzato dall'Associazzione Amici di Poggibonsi " Enopolis - Storia di una città che fece grande il vino" .La protagonista della storia è naturalmente Poggibonsi uno dei più importanti distretti italiani per l'imbottigliamento e la commercializzazione del vino fin dagli anni Venti per un periodo lungo circa cinquant'anni, anni d'oro per lo storico Enopolio Poggibonsese e per la città . La parola è poi passata al Professor Dei che si e' detto molto interessato al progetto editoriale esponendo la sua idea sul programma da seguire con l'organizzazione di gruppi di lavoro che portando avanti le ricerche separatamente possano contribuire alla realizzazione dell'ambizioso programma. Il lavoro prevede importanti ricerche di documenti storici, testimonianze e materiale fotografico in parte già raccolte da Marco Panti per una ricostruzione storica da lui curata, al quale è stato proposto di collaborare al fine di creare un gruppo coeso puntando sulla sinergia di un lavoro di squadra. Giovanni Cencetti ha portato il suo contributo sulla base di esperienze analoghe che risalgono agli anni che lo hanno visto Direttore dell' Hotel Grand Bretagne di Bellagio. Successivamente David Taddei ha chiarito le finalita' dei progetti in esame: riappropriarsi di una identità culturale attraverso il recupero della memoria storica che passa attraverso attrezzature, professionalità, tecniche di imbottigliamento, e commercializzazione che ha fatto del vino da autoconsumo il Principe del Made in Italy grazie anche al contributo della nostra città. Non ultimo per Taddei l'obiettivo della promozione dell'enoturismo grazie anche alla felice posizione di Poggibonsi favorita da un ottimo sistema viario snodo strategico per raggiungere Siena Firenze, San Gimignano, Volterra e il Chianti. Infine Paolo Benvenuti ha ricordato la possibilità di sfruttare la gloriosa struttura dell'Enopolio, attualmente in disuso e in condizioni di abbandono totale, per convegni, corsi di degustazione e di formazione oltre che luogo dove le eccellenze gastronomiche locali potrebbero essere promosse e valorizzate.

Antonella Lomonaco



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità