Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:POGGIBONSI10°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, la comunità marocchina festeggia in strada dopo la vittoria ai Mondiali

Cronaca giovedì 05 febbraio 2015 ore 15:06

Rissa allo stadio, Daspo per due colligiani

Niente partite per due tifosi della Colligiana, 46 e 40 anni, per i fatti di violenza accaduti dopo la gara con la Sangiovannese



COLLE DI VAL D'ELSA — Sono stati denunciati dalla Polizia e sottoposti a Daspo due sostenitori della Colligiana che lo scorso novembre avevano partecipato ad una rissa, al termine dell’incontro di calcio casalingo con la Sangiovannese, valevole per il campionato di serie D. In particolare alla fine della gara, si era verificato un battibecco che aveva visto coinvolti alcuni tifosi e personale dello staff della squadra ospite. Per evitare che le opposte tifoserie venissero a contatto al momento del deflusso, il dirigente del servizio aveva quindi fatto disporre un cordone di separazione all’esterno dello stadio Manni. Alcuni tifosi, particolarmente accaniti, tra i quali colui che era già venuto alle mani con un dirigente della squadra ospite, erano riusciti a forzare il cordone, avvicinandosi ai sostenitori della Sangiovannese e affrontandoli con violenza. Grazie all’immediato intervento delle forze dell’ordine la rissa era stata subito sedata, impedendo gravi e ulteriori ripercussioni per l’ordine e la sicurezza pubblica. All’istante due di loro, uno di 46 e l’altro di 40 anni, entrambi residenti nella cittadina valdelsana, erano stati identificati dalla Polizia e poi denunciati per rissa. Dai successivi riscontri, svolti dalla squadra tifoserie della Digos e dalla Polizia Anticrimine della Questura di Siena, è inoltre emerso che uno dei due denunciati era stato anche l’artefice della precedente lite che aveva coinvolto anche un dirigente della Sangiovannese, colpito al naso con un pugno e che aveva suscitato diverse polemiche anche nei giorni successivi. Il comportamento di entrambi è stato, per questo valutato di particolare pericolosità, tale che avrebbe potuto provocare ulteriori e ben più gravi ripercussioni sulla gestione dell’ordine e della sicurezza pubblica, se non fosse intervenuto tempestivamente il personale in servizio. All’esito degli accertamenti svolti il Questore di Siena Maurizio Piccolotti ha disposto nei loro confronti, il divieto di accedere, a qualsiasi titolo, ai luoghi in cui si svolgono competizioni di calcio, ufficiali o amichevoli, e per qualsiasi campionato o torneo, disputati nel territorio nazionale, per la durata di due anni nei confronti del 40enne, tenuto conto della maggiore gravità del suo comportamento, e di un anno per l’altro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo segnala la ricerca pubblicata da Eduscopio-Fondazione Agnelli. Grande soddisfazione per l'intera cittadina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità