Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:03 METEO:POGGIBONSI13°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità martedì 26 agosto 2014 ore 16:49

Scarti agricoli, esultano gli agricoltori

Nuove norme per la bruciatura di residui di piante, olivi e viti. Soddisfazione da parte della Cia provinciale



VALDELSA — La nuova norma regionale che permette dal primo settembre prossimo di poter bruciare gli scarti agricoli come potature di viti e olivi è stata accolta anche in Valdelsa con grande soddisfazione, non solo dagli addetti ai lavori ma anche dalle associazioni di categoria. Nel nuovo decreto è dunque consentito l’abbruciamento dei residui agricoli in piccoli cumuli ed in quantità non superiori ai 3 metri al giorno, pur rimanendo il divieto nel periodo a rischio incendi che, per la Toscana, scadrà appunto il 31 agosto.

Secondo la Cia di Siena questo, insieme ad altre norme contenute nella legge, è un primo passo nella direzione della semplificazione in agricoltura, auspicando che si tratti solo di un inizio. La norma sugli abbruciamenti, premia l’impegno della Cia che, insieme alle Regioni ed alle altre rappresentanze agricole, da oltre un anno si è battuta per superare una norma sbagliata, che di fatto metteva sullo stesso piano lo smaltimento delle potature agricole e la combustione illegale dei rifiuti tossici.

Non solo, oltre ai periodi di rischio incendio resta ferma la facoltà dei Comuni e delle altre autorità preposte di sospendere o vietare la combustione del materiale all'aperto in tutti i casi di rischi ambientali e per la salute pubblica.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità