Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:POGGIBONSI12°20°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 16 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità venerdì 09 aprile 2021 ore 23:09

Toscana in arancione, Valdelsa in rosso

Poggibonsi, San Gimignano, Colle, Casole, Radicondoli restano nella fascia con maggiori restrizioni per l'indice di contagiosità sopra la soglia



VALDELSA — La Toscana torna arancione ma la Valdelsa no. Così ha stabilito il governatore Giani dopo essere stato informato dal Ministro Speranza che il contagio in Toscana permetteva il passaggio alla fascia con minori restrizioni.

Purtroppo il numero dei positivi in Valdelsa non diminuisce e questo implica che per almeno un'altra settima la vallata resterà in rosso. I comuni di Poggibonsi, San Gimignano, Colle, Casole, Radicondoli, compresi nella zona socio sanitaria Alta Valdelsa in provincia di Siena superano l'indice di contagio settimanale dei 250 casi per 100mila abitanti. Inoltre, come ha sottolineato lo stesso Giani, la pressione sugli ospedali è ancora troppo elevata e questo impone misure ancora restrittive.

In giornata c'è stato un lungo confronto tra il presidente della Regione ed i sindaci interessati dalla zona rossa e pochi minuti fa è stata comunicata la decisione ufficiale.

Quindi, ancora per una settimana, la Valdelsa resta in "letargo" nella speranza che questo serva ad abbassare drasticamente il contagio.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il capoluogo continua ad essere il Comune più colpito della Provincia. Oggi sono 11 i positvi, dati più bassi negli altri centri della vallata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS