Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI15°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
venerdì 19 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Turisti feriscono due cuccioli d'orso per farsi un selfie

Attualità martedì 24 ottobre 2023 ore 07:25

Oltre 1.000 minori stranieri soli, la Toscana forma tutori

Foto di archivio

La tutela di bimbi e ragazzi che fuggono da guerra e povertà rappresenta un'urgenza. Da qui l'iniziativa del garante per l'infanzia e l'adolescenza



TOSCANA — Come sostenere e accompagnare i bambini e gli adolescenti che raggiungono il nostro Paese senza i genitori, spesso dopo viaggi durissimi e fuggendo da guerre e povertà? Il modo più diretto consiste nel diventare tutore volontario.

Una possibilità concreta e immediata, visto che dal 13 al 17 Novembre è in programma una nuova edizione del "Corso di formazione per aspiranti Tutori Volontari di Minori Stranieri Non Accompagnati", che la Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza Camilla Bianchi ha indetto insieme all'apposita procedura di selezione.
Quattro giorni di incontri pomeridiani, in presenza, nella sede del Consiglio regionale della Toscana, Via Cavour 4, a Firenze, o anche online, necessari per conoscere al meglio i compiti di questa figura e per poter essere iscritti allo specifico elenco dei tutori volontari a disposizione del Tribunale per i minorenni.

In Toscana sono presenti circa 1.000 minori stranieri arrivati senza figure di riferimento nel mondo adulto (22.500 complessivamente in Italia). La maggior parte sono maschi di età compresa fra i 16 e i 17 anni, provenienti principalmente da Ucraina, Albania, dai Paesi del Nordafrica, ma anche da Pakistan, Gambia, Guinea, Costa d’Avorio e altre nazioni.

Per ciascuno di loro la legge (la "legge Zampa") prevede che sia individuato un tutore volontario, che assume il compito di rappresentare giuridicamente il minore e di farsi interprete dei suoi bisogni e necessità, vigilando sul suo benessere e sul rispetto dei suoi diritti. Attualmente in Toscana sono circa 250 le persone che svolgono questo ruolo, fondamentale per tanti aspetti della vita quotidiana che riguardano la salute, lo studio, il lavoro, i rapporti con il Tribunale dei minorenni e le altre istituzioni.

“Quella della Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza – sottolinea il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani – è un’iniziativa preziosa, in un momento in cui il problema della tutela dei minori non accompagnati, sono i numeri a dirlo, si è fatto particolarmente urgente. E soprattutto è pienamente in linea con l’idea che da sempre guida l’azione della Toscana di fronte ad una questione come l’immigrazione: accogliere, integrare e, soprattutto nel caso dei minori proteggere e seguire nel processo di educazione e tutele psico-fisica”.

“Diventare tutore volontario significa decidere di dedicare parte del proprio tempo ad affiancare uno o più minori soli, contribuendo in modo concreto e decisivo al loro percorso di crescita, di educazione, di inclusione e quindi alla costruzione del loro futuro" evidenzia l’assessore regionale alle politiche sociali Serena Spinelli.

Per tutte le informazioni di dettaglio:
https://www.consiglio.regione.toscana.it/garanteinfanzia/default.aspx?idc=69&nome=tutori


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Toscana è la prima regione in Italia ad aver sviluppato lo strumento che consentirà fra le altre cose di migliorare il flusso di informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità