Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:POGGIBONSI18°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità martedì 31 ottobre 2023 ore 18:35

Per omaggiare i defunti 5 milioni di fiori toscani

crisantemi

La floricoltura fa i conti con l'aumento dei costi di produzione, ma le corolle made in Tuscany conservano invariati i prezzi dell'anno scorso



TOSCANA — Crisantemi, crisantemina, anthurium e rose, orchidee ma anche ciclamini: sono questi i fiori più indicati, e regalati, per omaggiare i propri defunti in occasione della ricorrenza del 2 Novembre. La floricoltura toscana è pronta ad accontentare il mercato con 5 milioni di fiori che - pur se il settore fa i conti con un aumento dei costi di produzione - all'origine avranno prezzi invariati rispetto allo scorso anno.

A tracciare il quadro di una situazione in cui la domanda supera l'offerta sono Coldiretti Toscana e l’Associazione nazionale fioristi e floricoltori italiani (Affi): "In Toscana il settore del florovivaismo sta facendo i conti con il costante aumento delle importazioni di fiori dall’estero e con la ridotta capacità di produzione delle imprese, strozzate dall’aumento dei costi di produzione (+10%) e dagli attacchi degli insetti alieni come il tripide e la cimice asiatica favoriti dal caldo fuori stagione che hanno richiesto sforzi straordinari di contenimento. Nonostante tutto i prezzi all’origine saranno in linea allo scorso anno", spiegano in una nota.

La ricorrenza del 2 Novembre è un appuntamento di pese per le aziende florovivaistiche, e vale fino a un quinto del loro fatturato: "La coltivazione dei fiori di Ognissanti ha in Toscana, tra Viareggio e Pescia, il suo principale polo produttivo dove vengono coltivati da un centinaio di aziende specializzate 5 milioni di esemplari tra crisantemi e crisantemine che vengono commercializzate proprio in questo periodo e che valgono oltre 3 milioni di euro". 

La difficoltà a reperire manodopera, l’incidenza dei fattori produttivi che riducono le marginalità dei florovivaisti e la concorrenza sleale selvaggia, spiegano gli esperti del settore, hanno portato nel corso degli anni ad una progressiva riduzione della produzione toscana nonostante la domanda superi l’offerta.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una serie di incontri hanno messo sul chi va là sindacati e dipendenti sulle prospettive dell'azienda avicola fra le principali del Senese
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

Lavoro