Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:POGGIBONSI14°26°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
I missili iraniani sopra la moschea di al-Aqsa a Gerusalemme

Attualità mercoledì 27 maggio 2015 ore 18:14

Una rete contro la violenza sulle donne

da sinistra Angelina Gerardi, coordinatrice del tavolo Valdelsa per la protezione e messa i sicurezza delle donne vittime della violenza maschile, Caterina Suchan, operatrice del Centro Antiviolenza Donne Insieme Valdelsa e Avvocata, Lucia Coccheri, Rossella De Franco, Fabio Roia, Manuela Ulivi

Sfida raccolta dal Centro Pari Opportunità della Valdelsa attraverso un evento formativo con il magistrato Fabio Roia



POGGIBONSI — Fare rete contro la violenza sulle donne, una sfida raccolta dal Centro Pari Opportunità della Valdelsa in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Siena. Obiettivi precisi su lavoeri già avviati ed altre progettualità da portare a termine: “Un tavolo importante – ha detto il presidente del Centro Pari Opportunità Lucia Coccheri – un evento formativo molto partecipato e forte della presenza del magistrato Fabio Roia, presidente della sezione prevenzione del Tribunale di Milano, dell'avvocato Manuela Ulivi della rete nazionale dei Centri Antiviolenza e dell'avvocato Rossella De Franco, referente per le pari opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Siena”.

L'evento, di natura formativa per operatori di giustizia, forze dell'ordine e assistenti sociali, che si è svolto nella giornata di oggi a Poggibonsi, ha affrontato il tema della prevenzione e della lotta contro la violenza domestica alla luce della conferenza di Istambul, ponendo ai partecipanti e alla rete territoriale Valdelsa alcune questioni da approfondire e a cui dare risposte.

Tra le questione emerse dal convegno quella di come si affronta il problema sotto il profilo giudiziario: un grande tema che, come ha sottolineato il giudice Roia, richiede anche a Siena il formarsi di una avvocatura e di una magistratura inquirente e giudicante altamente specializzata e autorevole in questo ambito. Una sfida che sembra essere stata raccolta dai tanti avvocati presenti e su cui il Cpo metterà in campo tutto il proprio know-how a supporto dell’azione. Una seconda problematica, strettamente legata alla prima, è quella di come la rete territoriale si muove in caso di grave violenza domestica seguita da denuncia della donna. Un tema particolarmente delicato e rilevante, come ha sottolineato l’avvocato Ulivi, perché si tende a pensare che la donna, dopo la denuncia, sia al riparo mentre in realtà è esattamente l'opposto specie se continua la convivenza, la relazione, il contatto con l'uomo che l'ha perseguitata. “Su questo – è stato spiegato dai referneti del centro - dobbiamo lavorare come tavolo, forti anche di una formazione sulla valutazione del rischio che il nostro Centro e i Centri Antivolenza della Valdelsa hanno già fatto con la formatrice oggi incaricata dal Ministero”.

La terza questione affrontata ha riguardato il passaggio da essere rete a come fare rete: “Questione dirimente – è stato sottolineato in chisura della giornata - se vogliamo dare efficacia all'agire di tutti i soggetti del Tavolo Valdelsa”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Siena. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità