QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 10°10° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità lunedì 23 marzo 2015 ore 16:13

Valdelsa, è ufficiale: niente Co2

No deciso da parte dell'assessore Vittorio Bugli

L'assessore Bugli conferma il dissenso da parte della Regione Toscana a nuovi progetti di estrazione di anidride carbonica: "Fine della partita"



VALDELSA — "La Regione non rilascerà concessioni alle aziende che intendono coltivare nuovi campi per estrarre dal suolo anidride carbonica: come riprova possiamo portare una serie di atti, chiari e coerenti, che sempre sono andati in questa direzione e sui quali non sono possibili interpretazioni diverse". Lo ha detto a Certaldo, senza usare mezzi termini, Vittorio Bugli, assessore alla Presidenza della Regione Toscana, davanti a un'assemblea organizzata dal Comitato contro la CO2. Nubi di un possibile ripensamento o di una probabile apertura nei confronti di altri progetti spazzati via: la Co2 non è roba per la Valdelsa né per altre zone toscane.

"Lo scorso settembre - ha proseguito Bugli - in Giunta abbiamo approvato una delibera per definire la linea: la Toscana ha una produzione di CO2, dagli impianti geotermici, che è sei volte l'intero fabbisogno nazionale di CO2; dal 2009 abbiamo un accordo con Enel che deve mettere a disposizione, senza richiedere corrispettivi, la CO2 in uscita dagli impianti di abbattimento. Non ha dunque senso che si vadano ad aprire nuovi impianti di estrazione dal suolo". In pratica, dunque, non ha nessun senso aprire altri impianti di estrazione di anidride carbonica in Toscana: lo stesso Bugli ha ricordato, infatti, come nel gennaio scorso la Giunta abbia approvato una delibera per informare il richiedente circa l'intenzione di esprimere pronuncia negativa sulla VIA per l'estrazione di CO2 a Certaldo. "Lunedì scorso abbiamo approvato l'atto definitivo - ha specificato l'assessore - per la pronuncia negativa alla compatibilità ambientale. Fine del discorso: gli atti sono chiari”. Soddisfatto della presa di posizione anche il sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi, che assieme ai colleghi di Certaldo e Barberino si era battuto fin da subito contro i progetti di estrazione a San Paolo: “Fine della partita con netta vittoria dell'impegno e della coerenza – ha commentato attraverso il proprio profilo Facebook - Tutte le chiacchiere stanno a zero. Grazie a Vittorio Bugli, Marco Spinelli ed Enrico Rossi”.



Tag

Depistaggi Cucchi, parte civile su astensione giudice: «Questione di opportunità»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità