Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:05 METEO:POGGIBONSI16°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Miozzo (Cts): «Preoccupati per andamento pandemia. Scuole chiuse nelle zone rosse»

Attualità domenica 21 febbraio 2021 ore 10:41

Premio Chianti, si aprono le porte per la giuria

E' l'organo che ha il compito di partecipare agli incontri con gli autori finalisti e di designare il vincitore. Iscrizioni aperte fino al 30 aprile



BARBERINO TAVARNELLE — La lettura è una della abitudini riscoperte durante il lockdown, periodo proficuo per scrivere libri e romanzi. La 34° edizione del Premio letterario Chianti narrativa si farà: si sono aperte le iscrizioni per essere parte della giuria della competizione culturale,

Chi è interessato dovrà segnalare la propria preferenza per una delle opera finaliste. Le opere di narrativa devono essere edite tra il 1 luglio 2019 e il 31 dicembre 2020.
Gli interessati possono iscriversi alle Biblioteche comunali di Barberino Tavarnelle entro il 30 aprile 2021.

Il Premio letterario Chianti nacque da un'idea dello scrittore Paolo Codazzi, direttore della rivista culturale "Stazione di Posta" e fu fondato nel 1987 mediante la collaborazione tra l'amministrazione comunale di Greve in Chianti e la rivista. Successivamente anche i Comuni di San Casciano Val di Pesa, Radda in Chianti, Impruneta, Tavarnelle Val di Pesa, Barberino Val d'Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga e Gaiole in Chianti si sono associati al Comune di Greve e alla rivista Stazione di Posta per l'organizzazione della manifestazione.

La giuria dei lettori conta più di 350 partecipanti, determina il vincitore del premio tra una rosa di autori finalisti, selezionati dal Comitato Tecnico. Un'altra caratteristica del Premio è di riferirsi a libri pubblicati generalmente almeno un anno prima rispetto al periodo della competizione.

Anche quest'anno, nonostante la pandemia in corso si è deciso di mantenere fede alla tradizione, un modo per cercare di non perdere le abitudini e gli appuntamenti consolidati del mondo culturale locale. Proprio questo settore è stato il più colpito dalle restrizioni e ha un grande bisogno di tornare a vivere.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS