Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:03 METEO:POGGIBONSI13°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Cronaca venerdì 29 agosto 2014 ore 12:38

Co2, Altrapolitica chiede un referendum

Partecipazione e condivisione di idee sul progetto di estrazione del gas, altrimenti pertirà la raccolta di firme



VALDELSA — Il progetto di estrazione della Co2 sta diventando un motivo di discussione quasi quotidiano. Non sono bastate le prese di posizione dei tre Comuni interssati, Certaldo, San Gimignano e Barberino Val d'Elsa, a far cessare sul nascere l'ipotesi progettuale. Il rischio che qualcosa si possa fare è sempre alto. Anche perché, come tutti sanno, è del luglio scorso la domanda fatta al Comune della Città di Boccaccio da parte della società Lifenergy di valutazione di impatto ambientale per la realizzazione di due perforazioni esplorative per la ricerca del gas in questione da svolgere nella suddetta località “San Paolo” che si trova ne territorio del Comune di Certaldo e confina con i Comuni di Barberino Val d’Elsa e San Gimignano.

Una questione che sta a cuore a molti cittadini valdelsani e proprio per questo anche “Altrapolitica” ha messo in campo alcune proposte, ritenendo irrinunciabile il ricorso ad un referendum consultivo.

Per la rilevanza che ha la richiesta Altrapolitica ritiene irrinunciabile uno studio approfondito e aggiornato da parte della nostra Amministrazione sull'impatto (in termini di suolo, acqua, aria, paesaggio, beni materiali e patrimonio culturale); ancora Altrapolitica ritiene irrinunciabile un percorso di informazione-condivisione con tutta la cittadinanza tenuta al momento all'oscuro dell'intero progetto e dei suoi possibili effetti; infine per la rilevanza che ha una tale novità di estrazione di CO2 per l'intera comunità di Certaldo si ritiene irrinunciabile alla fine di questo percorso il ricorso ad un referendum consultivo.

Si chiede partecipazione e condivisione da parte dell'amministrazione comunale, sia delle scelte che sulla fattibilità del progetto stesso oltre che delle tempistiche. Disattese queste aspettative, Altrapolitica farà di tutto per portare a compimento la raccolta firme per un referendum come previsto dallo statuto comunale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità