Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:POGGIBONSI11°21°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità mercoledì 11 novembre 2015 ore 14:22

"Agio, niente parcheggio e niente biblioteca"

Il Telaio e Michele Logi vanno contro i progetti che il Comnune di Colle, assieme a Poggibonsi, ha inserito tra gli investimenti del Piu



L'Associazione colligiana “Il Telaio” per voce di Michele Logi interviene in merito al futuro di alcuni investimnenti che riguarderanno proprio la città del cristallo in considerazione dei progetti presentati all'interno del Piu in collaborazione con Poggibonsi. Tra le varie ipotesi fatte dal Comune di Colle quella di un nuovo parcheggio nell'area dell'Agio: “Su questo punto esprimiamo la più netta contrarietà, perché a Colle i parcheggi interrati, come ha dimostrato quello della stazione hanno successo solo nella forma di garage per residenti, non per la sosta temporanea dove sono più comodi parcheggi a raso. Dopo gli enormi movimenti di terra della Fabbrichina – si legge in una nota dell'associazione - ci sentiamo di poter proclamare con i cittadini una moratoria per nuovi sbancamenti all'interno del centro, per preservare il nostro patrimonio da altre gravi e pericolose alterazioni”.

Il Comune di Colle, tra le altre cose, aveva individuato la stessa area anche per la costruzione di una nuova biblioteca e anche su questo aspetto il Telaio non è proprio in sintonia: “Realizzando nell'Agio la nuova biblioteca si svuoterebbe di una importante funzione pubblica l'area della Fabbrichina, dove da oltre 20 anni sono incentrati gli sforzi e le politiche urbanistiche per la rivitalizzazione di Colle bassa – si legge ancora in una nota dell'associazione - proprio per questo riteniamo sbagliato abbandonare previsioni e destinazioni consolidate a causa della congiuntura negativa che riguarda oggi l'area. Vista la grande quantità di volumi previsti e di contenitori disponibili, da recuperare, nell'area della Fabbrichina, riteniamo che per la biblioteca debba essere fatto ogni sforzo teso ad individuare una ubicazione all'interno del comparto, a partire dalla ex Vulcania”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno