comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 21°36° 
Domani 21°37° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 11 agosto 2020
corriere tv
Foggia, assalto a portavalori: il fumo avvolge l'A14

Attualità domenica 26 luglio 2020 ore 10:20

Suolo pubblico per i ristoranti, caos a Colle Alta

I gestori dello storico locale di Sapia sollecitano il Comune a fare chiarezza e ad intervenire per scongiurare il "fritto misto" tra esercenti



COLLE VAL D'ELSA — La crisi del settore dei ristoratori e dei bar è veramente forte e in questo quadro non sempre tutte le attività riescono a trovare le migliori condizioni per ripartire.

Una vena di polemica in città è nata a seguito di una situazione verificatasi in Colle Alta, più precisamente al rinomato Bastione di Sapia.

Le novità in tema di suolo pubblico hanno messo sul piede di guerra i gestori dello storico locale “L’Angolo di Sapia”, Ivo Neves, Andrea, Neves, Mergim Lulaj e Gabriele Licari, i quali sono intervenuti pubblicamente:

«Il nostro è un locale storico. Da 33 anni, porta il nome per cui Colle è ricordata nel XIII canto del Purgatorio. Questo non sta a significare che ci aspettiamo qualcosa in più rispetto alle altre attività. Chiediamo semplicemente di lavorare con tranquillità e serenità.  A fronte di un investimento fatto nel 2019, ad oggi ci troviamo senza possibilità di visibilità. C’è confusione nella localizzazione degli spazi adibiti ai tavoli del locale. Soprattutto non è chiara la diversificazione delle aree pubbliche concesse alle attività».

Nel mirino degli imprenditori del locale c'è  il "fritto misto" che si è venuto a creare senza una chiara e precisa regolamentazione da parte dell'amministrazione cittadina. Questo, secondo i gestori, porterebbe ad una confusione anche tra gli stessi clienti che sovente sbagliano anche locale. 

"Ad inizio 2020 - incalzano i gestori di Sapia - ci è stata negata la proroga della concessione di alcune strutture ombreggianti, che avevamo ottenuto per i precedenti sei mesi". La giustificazione è che serviva più spazio pubblico per consentire ai turisti di godersi il bastione. Adesso ci troviamo in piena estate con il Bastione sovraccarico di strutture. Una situazione  ambigua: abbiamo aperto la nostra attività con 68 mq di concessione di suolo pubblico, adesso siamo a 36 mq:  1/3 del nostro investimento in tavoli, sedie ed ombreggianti è chiuso in magazzino.
Siamo convinti che il Bastione possa consentire a tutti di avere il proprio spazio. Crediamo nella concorrenza, non cerchiamo favoreggiamenti ma semplicemente equità".

La parola, adesso, passa all'Amministrazione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni 2020

Attualità

Attualità

Attualità