Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:POGGIBONSI18°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 20 luglio 2016 ore 15:47

Cosche mafiose, arresto a San Gimignano

Operazione "Alchemia" di Polizia e Dia ha portato all'arresto di oltre 40 persone



SAN GIMIGNANO — C'è anche un arresto eseguito a San Gimignano all'interno dell'operazione “Alchemia” portata a termine da Polizia e Direzione Investigativa Antimafia che hanno arrestato 42 persone appartenenti ed affiliati alla `ndrangheta delle cosche di Reggio Calabria “Raso – Gullace – Albanese” e “Parrello – Gagliostro”, indagati per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e società.
L'attività investigativa ha svelato il grande interesse degli appartenenti alle citate consorterie della `ndrangheta per diversi settori “strategici”, quali il movimento terra, l´edilizia, l´import-export di prodotti alimentari, la gestione di sale giochi e di piattaforme di scommesse on line, la lavorazione dei marmi, autotrasporti, smaltimento e trasporto di rifiuti speciali, con l´individuazione di società intestate a prestanome.
Tra le altre cose, secondo la nota diffusa dalla Polizia di Stato, sono state comprovate relazioni con esponenti della politica reggina, anche a livello nazionale, funzionali ad un reciproco scambio di favori, che hanno confermato l´interesse che le cosche hanno nel coltivare le indispensabili connessioni con il mondo politico. Altri rapporti intrattenuti con le medesime finalità sono stati riscontrati con funzionari dell´Agenzia delle Entrate e della Commissione Tributaria di Reggio Calabria. Nel Comune di San Gimignano, è stata notificata la misura degli arresti domiciliari, emessa nei confronti del socio di un’azienda, con sede in un’altra provincia della Toscana, lì domiciliato anche se residente a Reggio Calabria.

Gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Siena, insieme ai colleghi delle Squadre Mobili di Firenze e Genova hanno eseguito il provvedimento cautelare nella mattinata di ieri, 19 luglio, contestualmente agli altri, rintracciandolo nella sua abitazione.

L’azienda di cui è socio è stata invece perquisita e sottoposta a sequestro preventivo, come disposto dal GIP. Numerose le attività illecite portate avanti negli anni da tutte le persone interessate dalla vicenda, da imprenditoria di vario genere, a movimento terra fino ad operazioni immobiliari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una serie di incontri hanno messo sul chi va là sindacati e dipendenti sulle prospettive dell'azienda avicola fra le principali del Senese
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

Lavoro