Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:POGGIBONSI20°37°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lombardia, Bertolaso: «Tra i vaccinati con doppia dose zero morti da variante Delta»

Attualità martedì 17 novembre 2020 ore 18:26

Ferrovie, si sblocca il raddoppio Empoli Granaiolo

Ferrovie, si sblocca il progetto del raddoppio Empoli-Granaiolo. Via libera dal Consiglio dei Lavori Pubblici all'investimento da 167 milioni



EMPOLI — Via libera del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici al mega-investimento da 167 milioni di euro che porterà a un salto di qualità nel trasporto ferroviario sulla tratta Empoli-Siena.

Lo ha reso noto oggi pomeriggio il Presidente dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, Alessio Falorni, che ha presenziato in modalità telematica alla sessione di Sezioni Riunite (1° e 3°) del Consiglio Superiore, al termine del quale ha espresso un parere favorevole al progetto definitivo del raddoppio della linea Empoli-Granaiolo.
Un investimento che interessa, in modo particolare i cittadini pendolari (lavoratori, studenti) ma anche i turisti, in quanto consentirà di raddoppiare la frequenza dei metropolitani della Valdelsa fino a Poggibonsi, passando da un treno ogni ora a uno ogni mezz’ora. Contestualmente, la doppia linea permetterà di migliorare la puntualità dei treni veloci Firenze-Siena, e di rendere più rapidi tutti i collegamenti.

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha accompagnato il parere favorevole con alcune prescrizioni di cui sarà tenuto conto nella gara di appalto relativa.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A lanciarla, sulla piattaforma change.org, Cristina Rescigno, per chiedere al sindaco le tempistiche sulla riapertura
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità