Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:POGGIBONSI16°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 21 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «La censura in Rai è un problema che riguarda tutti»

Politica venerdì 09 gennaio 2015 ore 11:32

"L'assessore Berti non sa fare i conti"

Ancora polemiche sulla programmazione del Politeama

Programmatore del Politeama: per la lista civica ciò che è scritto nel bando è totalmente diverso da quanto affermato dal Comune



POGGIBONSI — Il botta e risposta tra la lista civica Insieme Poggibonsi e l'assessore Nicola Berti sul bando pubblicato per affidare l'incarico di programmatore per la stagione cinematografica delle due sale del Politeama fa registrare un'altra puntata. In avvio, i consiglieri De Santi e Michelotti avevano espresso le loro perplessità riguardo ad un bando di circa 60mila euro per il ruolo di programmatore, ben al di sopra della cifra che viene corrisposta ad un assessore, rimandando il tutto all'interno del prossimo consiglio comunale di Poggibonsi a seguito di una precisa interrogazione. E' di ieri, invece, la risposta dell'assessore Nicola Berti che ha sottolineato come il compenso dell'incarico sia stato decurtato del 25 per cento e che la cifra di 60mila euro da corrispondere al programmatore sarebbe stata concessa solo per una parte variabile, ovvero con il doppio del fatturato rispetto a quest'anno, tra biglietti e pubblicità. Visti i tempi, una cosa molto difficile.

Poche ore dopo è giunta la nuova replica della lista civica Insieme Poggibonsi, che attraverso il consigliere De Santi ribadisce alcuni aspetti, come ad esempio un semplice calcolo matematico: “Caro assessore Berti – scrive il consigliere della lista civica - legga il bando e faccia due conti: se si moltiplicano le 1.500 euro mensili che è lo stipendio fisso del programmatore per i dodici mesi dell'anno siamo ad un totale di 18mila euro, ma se a questi si aggiunge la parte variabile, ovvero oltre 43mila euro, cioè il 12 per cento del fatturato che si attesta ad oltre 350mila euro, siamo ad una cifra che va oltre i 60mila euro. Senza aggiungere la parte variabile relativa alla pubblicità, visto che non si conoscono gli importi”. Questi, dunque, i calcoli matematici effettuati dalla lista civica Insieme Poggibonsi per arrivare ad argomentare l'interrogazione, ben diversi da quanto dichiarato dallo stesso assessore Berti. La questione adesso, con queste premesse, sarà discussa all'interno del prossimo consiglio comunale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Siena. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità