Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:POGGIBONSI9°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Attualità venerdì 24 ottobre 2014 ore 11:24

Menu internazionale alla mensa scolastica

Progetto tra sana alimentazione e integrazione: i bambin i potranno trovare piatti tipici indiani o palestinesi senza alcun aumento delle tariffe



BARBERINO VAL D'ELSA — Prodotti biologici, locali, toscani dop e Igp. Sulle tavole delle mense di Barberino Val d'Elsa i bambini della scuola dell’infanzia e primaria trovano cibi sani, appetitosi, vari, legati alle terre di origine, vicine e lontane. Un menù che parte dalla Toscana per raggiungere paesi e tradizioni orientali, come la Palestina e l’India; ricette e ingredienti tipici che offrono agli studenti di istituire un buon rapporto con il cibo e intraprendere un percorso interculturale condiviso.

E’ così che accanto alla schiacciata all’olio, alla ricotta vaccina, allo zafferano di San Gimignano, ai legumi nostrani, al pecorino e al prosciutto toscani, i bambini possono arricchire la loro conoscenza gastronomica imparando ad assaporare, tra gli altri, il Sinyet kufta, piatto unico palestinese, o il riso al curry e il pollo tikka masala, ricette tipiche indiane. “Si cucina sempre pensando a qualcuno: è con questa intenzione che abbiamo scelto il menù delle mense scolastiche – hanno detto Marina Baretta, assessore con delega all’Istruzione dell’Unione comunale del Chianti fiorentino e Chiara Molducci, assessore all’Istruzione del Comune di San Casciano, che assieme al Comune di Tavarnelle ha aderito a questo progetto – l’educazione alla cultura del mangiare bene, non avviene solo a tavola, ma inizia dalla scelta degli ingredienti, dalla cura con cui vengono preparati i cibi, nella qualità e nella varietà della presentazione dei piatti”. Il progetto di educazione alimentare, elaborato dai Comuni in collaborazione con la dietista Alessandra Siglich, si pone l’obiettivo di creare un’opportunità informativa e formativa sui temi della salute e del benessere.

Una qualità che tiene conto anche delle esigenze economiche del territorio con particolare attenzione alle famiglie più bisognose. Anche per quanto riguarda i costi del servizio di refezione scolastica, da quest’anno gestito per tutti e tre i Comuni da Eudania, i Comuni hanno puntato a mantenere alta la qualità di ciò che viene offerto senza aumentare le tariffe. A Barberino le tariffe oscillano tra 0,42 e 4,18 euro a pasto e di una cifra che varia dalle 0,80 alle 8 euro mensili (per 8 mensilità per la scuola primaria e 9 mensilità per la scuola dell'infanzia), per poter usufruire del servizio di colazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno