Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:POGGIBONSI10°24°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, ecco il video spettacolare del volo su Roma per il concorso ippico di piazza di Siena

Cronaca martedì 15 luglio 2014 ore 14:33

Omicidio Taddei, arrestati due giovani romeni

Uno di loro è minorenne: dopo il fermo è evaso dal carcere minorile, ma è stato ripreso. Prostituzione maschile il motivo del pestaggio mortale



POGGIBONSI — Sono arrivate ad una svolta le indagini relative alla morte di Ezio Taddei, il pensionato di Poggibonsi il cui corpo era stato ritrovato senza vita nel parco delle Cascine. Qualche giorno fa, infatti, i Carabinieri avevano arrestato un 16enne, romeno, con l'accusa di omicidio. Ma è solo di qualche ora la notizia che lo stesso giovane era riuscito ad evadere, qualche ora dopo il fermo, dal carcere minorile di Firenze. Il giovane, comunque, è stato nuovamente catturato e arrestato di nuovo. Il 16enne, assieme ad un altro suo connazionale di 28 anni fermato qualche giorno prima dai Carabinieri, è adesso accusato di concorso in omicidio volontario e rapina. "Indizi gravi e concordanti", hanno fatto sapere gli inquirenti che legherebbero i due indiziati all'omicidio. Impronte sull'auto della vittima, sangue all'interno e soprattutto tracce biologiche del ragazzo minorenne sarebbero state trovate sotto le unghie del poggibonese. I militari del maggiore Carmine Rosciano riconducono il delitto a una richiesta sessuale dell'artigiano non concordata precedentemente. Ezio Taddei, come si ricorderà, era stato trovato privo di vita all'interno del parco delle Cascine, non lontano dall'ippodromo delle Mulina, disteso per terra e con il volto tumefatto. La sua auto, con un vetro ridotto in frantumi, era stata ritrovata poco distante la luogo del ritrovamento del corpo. E' stata successivamente l'autopsia, a svelare che l'uomo era deceduto per numerose lesioni interne causate da un violento pestaggio e non per un malore, come ipotizzato inizialmente al momento del ritrovamento del corpo di Taddei.


Le indagini degli uomini dell'Arma diretti dal maggiore Carmine Rosciano si sono quindi rivolte al mondo della prostituzione maschile di cui il poggibonese era frequentatore abituale per arrivare, dunque, al fermo dei due romeni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno