comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:24 METEO:POGGIBONSI10°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
lunedì 25 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Genovese, la confessione delle ragazze che lo accusano: «La cocaina era sui piatti, come un self service»

Cronaca venerdì 08 gennaio 2021 ore 10:46

Anni di soprusi e botte alla moglie

La donna, esasperata, lo ha denunciato. Aiutata dai vicini di casa e dalla Polizia, adesso vive in una casa protetta con il figlioletto



POGGIBONSI — Un nuovo episodio di violenza familiare fermato dall'intervento dagli agenti di Polizia. Questa volta sono stati i poliziotti del Commissariato di Poggibonsi ad aiutare una giovane donna albanese a sfuggire al marito.

La ragazza, 30enne, dopo anni di vessazioni da parte del coniuge, un connazionale, ha trovato la forza di raccontare tutto, riferendo di continui maltrattamenti, liti furibonde e lesioni. A questo si sommava un controllo ossessivo da parte del marito, accecato dalla gelosia, al punto di non essere libera di uscire senza il suo permesso, neanche per andare a fare la spesa ed essere totalmente dipendente dal punto di vista economico.

La paura le ha impedito di reagire alle aggressioni, ha dovuto sopportarle in silenzio, per timore di ritorsioni fisiche e psicologiche e per proteggere il figlio. Però poi la giovane non ce l'ha fatta più a resistere e ha denunciato tutto, aiutata anche dai vicini di casa che hanno testimoniato in suo favore. Le indagini hanno confermato la fondatezza dei suoi racconti. Adesso ha trovato rifugio presso un domicilio protetto, insieme al bimbo.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

L'EDITORIALE

Attualità