Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:35 METEO:POGGIBONSI13°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
lunedì 04 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il robot umanoide cinese (concorrente di Tesla) batte il record di velocità

Lavoro venerdì 20 ottobre 2023 ore 19:20

Caporalato, in Toscana 27 aree critiche

contadino

Lo sfruttamento del lavoro in agricoltura si concretizza tra finte cooperative, partite Iva, reti interprovinciali fino a paraschiavismo. La mappa



TOSCANA — Sono 27 le aree toscane critiche per quanto riguarda la presenza di caporalato e sfruttamento del lavoro agricolo, concentrate principalmente fra le province di Livorno, Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze. La mappa è stata tracciata oggi in un convegno della Flai Cgil svoltosi nella tenuta di Suvignano sottratta alla mafia.

Lo sfruttamento, che talvolta si traduce in situazioni di paraschiavismo, tesse la sua rete tra finte cooperative, caporali a partita Iva, reti interprovinciali, lavoro irregolare

I dati toscani sono stati elaborati a cura di Matteo Bellegoni dell'osservatorio Placido Rizzotto che ha curato l'ultimo rapporto Agromafie e caporalato.

La mappa

Particolarmente esposte risultano le campagne della provincia di Livorno e della Maremma, della Valdichiana, del Valdarno ma non solo. Fra le 27 aree toscane di sofferenza sono individuate: 

  • in provincia di Arezzo San Giovanni Valdarno, Cortona, Sansepolcro, Badia, Poppi, Pratovecchio, Ortignano Raggiolo
  • in provincia di Firenze il Mugello
  • in provincia di Grosseto la zona dell’Amiata, Arcidosso, Marina di Grosseto, Scansano, Civitella Paganico, Cinigiano, Castel del Piano
  • in provincia di Livorno Venturina, San Vincenzo, Castagneto Carducci, Donoratico
  • in provincia di Siena l’area del Chianti, Castellina, Montecucco, Poggibonsi, Radda, Castelnuovo Berardenga. 

Le zone critiche per il caporalato

Le zone critiche per il caporalato (Fonte: Cgil Toscana)

L'analisi dei dati

Nell'evento a Suvereto dal titolo “Agricoltura toscana: come combattere il caporalato, il lavoro nero e lo sfruttamento” sono stati molti gli interventi portati alla tavola rotonda a cui fra gli altri hanno preso parte il segretario generale di Cgil Toscana Rossano Rossi e il segretario generale Flai Cgil Toscana Mirco Borselli.

“Il fenomeno dello sfruttamento del lavoro e del lavoro nero in agricoltura è purtroppo anche qui da noi in Toscana, e riguarda in maggioranza i lavoratori stranieri, ma anche italiani", ha osservato Rossi che spinge sulla necessità di filiere etiche e di responsabilità.

"Come Cgil partecipiamo al progetto Soleil della Regione, che mira a incentivare le denunce dei lavoratori sfruttati garantendo loro un accompagnamento che mira all’integrazione con la messa a disposizione di alloggio, nuove opportunità lavorative, servizi burocratici", ha ricordato.

Per parte sua Borselli ha sottolineato come l'agricoltura toscana si articoli in molteplici peculiarità territoriali, motivo che induce l'organizzazione sindacale a chiedere l’istituzione delle sezioni territoriali della rete del lavoro agricolo di qualità che rappresentano uno strumento fondamentale al reale contrasto al lavoro nero, allo sfruttamento e ai drammatici fenomeni di caporalato nonché un importante mezzo di prevenzione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Siena e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità