Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:POGGIBONSI14°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La madre di Navalny sulla tomba del figlio il giorno dopo funerali

Attualità giovedì 21 settembre 2023 ore 11:15

Demenze e Alzheimer, in Toscana 85mila malati

anziana

Con l'invecchiamento della popolazione i malati aumentano. Nella Giornata mondiale dell'Alzheimer, i numeri toscani e la rete di sostegno e cura



TOSCANA — Si inizia con i vuoti di memoria, gli spasmi, poi il decadimento procede finché la persona si perde in una sorta di limbo cognitivo. Sono demenze senili o Alzheimer di cui oggi 21 Settembre ricorre la Giornata mondiale. Sono 85mila i toscani affetti da una di queste patologie cognitive, e rappresentano l'8% dei 950mila uomini e donne con più di 65 anni censiti sul territorio regionale. Nel bacino delle patologie degenerative degli anziani, l'Alzheimer ha un'incidenza del 55%.

La Toscana è una delle regioni a più alto tasso d'invecchiamento, e qui l'incidenza di demenze e Alzheimer configura una questione di salute pubblica, come ribadito in un convegno tenutosi nel Giugno scorso a Firenze.

Ma qui la Regione ha un piano, ed è stata una delle prime realtà a dotarsene, oltre a una rete di sostegno e cura rivolta non solo ai pazienti in senso stretto, ma anche ai familiari e ai caregiver coinvolti - e spesso afflitti - dai mutamenti di condizione che queste malattie portano all'interno di tutto il microcontesto sociale che ruota attorno al malato.

Diffusi sul territorio ci sono i Centri disturbi cognitivi e demenze (Cdcd), punti di primo accesso dopo i medici di famiglia in cui si possono approfondire e valutare i primi sintomi, attivando se è il caso percorsi di assistenza e cura tesi anche a contenere manifestazioni di aggressività talvolta proprie di questo tipo di pazienti.

Per chi presta assistenza e per i familiari, esiste un Centro di ascolto che fornisce informazioni ma anche supporto psicologico al caregiver: vi si accede chiamando il numero 0554385270, attivo dalle 9 alle 15 dal lunedì al venerdì, o tramite email all'indirizzo ascolto.caregiver@regione.toscana.it.

La Toscana punta a favorire, almeno nella fase iniziale della malattia, la permanenza del paziente in casa propria. Lo strumento è un pacchetto di servizi che comprende varie realtà fra Centri diurni, Caffè Alzheimer e Musei Alzheimer, oltre a servizi domiciliari professionali. Per accedervi ci sono appositi buoni servizio.

E poi il Sistema Aima Gps Alzheimer, che permette di conoscere in qualsiasi momento la posizione della persona malata, facilitandone la ricerca tempestiva in caso di smarrimento o allontanamento. Si basa su un protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Toscana, Prefettura di Firenze, Associazione Penelope e Aima Firenze.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' Newsweek ad aver stilato la classifica delle 131 realtà ospedaliere d'eccellenza nello Stivale. Podio per il policlinico Gemelli di Roma
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità