Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:POGGIBONSI13°24°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Attualità martedì 21 novembre 2023 ore 18:13

Occupazione femminile, Toscana sopra la media nazionale

donna

Il tasso regionale di donne che lavorano è del 62,1% a fronte di quello italiano del 52,6%. Ma il divario di genere con gli uomini è ancora del 12%



FIRENZE — Toscana sopra la media per occupazione femminile, con un tasso del 62,1% che nel 2022 ha superato non certo di spanna quello italiano del 52,6%. Persiste tuttavia il divario di genere, con uno scarto del 12% fra tasso di occupazione delle donne e degli uomini.

Il punto della situazione tracciato dall'Irpet è stato messo a fuoco oggi nell'ambito delle iniziative legate alla manifestazione della Regione "La Toscana delle Donne", che aveva in agenda un appuntamento della mattina a Palazzo Strozzi Sacrati con “Donne, certificazione al femminile” moderato dal giornalista Luca Telese e nel pomeriggio alla Baker Hughes di Firenze.

La partecipazione delle donne toscane al mercato del lavoro è più elevata di quella media nazionale ma ancora distante dal dato Ue (69,3%). La Toscana si affianca, da questo punto di vista, alle regioni del Centro-Nord con tassi di attività e di occupazione più alti, anche se non ancora equiparabili a quelli maschili. 

Giani e Manetti a Baker Hughes

Giani e Manetti a Baker Hughes

Sempre in Toscana, il differenziale tra tasso di occupazione maschile e femminile (12%) e continuano a persistere i maggiori differenziali tipici del divario di genere: soprattutto guardando ai settori di attività, alle retribuzioni, al tipo di contratto, alle carriere. Le donne lavoratrici presentano carriere più intermittenti, quote più elevate di contratti part-time e sono concentrate nei settori e nelle professioni con più basse retribuzioni medie.

Tali divari persistono nonostante le donne, in particolare le più giovani, abbiano livelli d’istruzione mediamente più elevati dei loro coetanei uomini.

I piani d'intervento per superare i divari

Il programma Fse+ 2021-2027 ha destinato 36 milioni di euro per interventi specificamente dedicati alle donne, articolati in varie linee: per incentivare azioni innovative a sostegno del welfare aziendale (15 milioni), percorsi di sostegno all’occupazione femminile (11 milioni), azioni di mainstreaming (9,3 milioni) e di mentoring (700mila euro).

Se l’Fse costituisce la principale leva finanziaria e programmatica, la Toscana può contare anche su altri strumenti a favore delle donne: dal Piano di sviluppo rurale al Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) per arrivare al Programma Italia Francia Marittimo. In questi programmi, pur non essendo previste misure o bandi specifici, è forte l’attenzione posta alla specificità e al ruolo delle donne.

"La Toscana promuove una cultura di parità e rispetto e per destrutturare gli stereotipi di genere - rammenta una nota - obiettivo inserito anche nelle linee guida dei Pez, i Progetti educativi zonali finanziati da Regione Toscana, che è azione centrale nelle misure previste con il rifinanziamento della legge 16/2009 Cittadinanza di genere".

La spinta dell'Ue

“Anche grazie al forte input venuto dall’Unione Europea - ha sottolineato nel suo intervento Cristina Manetti, capo di gabinetto della Regione e ideatrice della Toscana delle Donne - la certificazione di genere sta facendo passi avanti. Il percorso è avviato e mette le donne nelle condizioni di avere il giusto ruolo all’interno delle aziende, consentendo loro di conciliare la vita privata con quella lavorativa, di redistribuire il carico di cura verso i figli, gli anziani, i fragili".

Obiettivo: "Liberare le donne per permettere loro di fare scelte diverse e svolgere ruoli apicali. La certificazione apre a questo che è già realtà in alcune aziende, ma che è ancora all’inizio per tante altre. La Baker Hughes ne è un esempio, ma non è la sola. La donna è una risorsa che può cambiare e migliorare il bilancio di un’azienda”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cambiano ancora una volta le carte in tavola di una primavera che non trova stabilità. Gli esperti attendono altre giornate con pioggia e rovesci
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità