Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:POGGIBONSI20°38°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
lunedì 22 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»

Lavoro mercoledì 11 ottobre 2023 ore 10:30

Lavoro, chi sono gli introvabili in Toscana

chef
Sono i cuochi i lavoratori più difficili da trovare

Nei 5 settori più critici durante il 2022 a fronte di 101.710 posti disponibili sono rimaste vacanti 35.170 posizioni. Lo studio della Cgia di Mestre



TOSCANA — Sono camerieri e cuochi ma anche addetti alle pulizie, commessi nei negozi al dettaglio e addetti all'imballaggio e al magazzino: sono i lavoratori introvabili in Toscana, individuati in uno studio della Cgia di Mestre che ha elaborato dati 2022. Ne è risultato che per queste 5 categorie di lavoratori l'anno scorso erano previste 101.710 assunzioni, ma 35.170 posti sono rimasti scoperti.

La punta di carenze è rappresentata dalla categoria dei cuochi in alberghi e ristoranti: ne sarebbero serviti 16.490, ma 8.560 posizioni sono risultate di difficile reperimento per una percentuale del 51,9%.

A seguire ecco camerieri e professioni assimilate: le aziende abbisognavano di 28.070 di loro, ma sono rimaste a bocca asciutta in 12.210 casi (43,5%). Manca anche un terzo circa del fabbisogno di personale non qualificato per servizi di pulizia in uffici ed esercizi commerciali: a fronte di 21.970 posizioni aperte, ne sono rimaste scoperte 6.880 (31,3%).

Le cinque categorie di lavoratori più difficili da trovare in Toscana tabella

Le cinque categorie di lavoratori più difficili da trovare in Toscana

I commessi delle vendite al minuto? Anche lì reperire personale a sufficienza non è stato affatto semplice. La richiesta era per 23.250 commessi e commesse, ed è rimasta inevasa per 5.160 unità (22,2%). Al quinto posto per introvabili c'è poi la categoria di personale non qulificato addetto all'imballaggio e al magazzino: 11.930 le entrate previste, 2.360 i posti rimasti vacanti (19,8%).

Provincia per provincia

Quanto alle province più in difficoltà, nella classifica guidata a livello nazionale da Bolzano con un'incidenza di difficoltà di reperimento di lavoratori del 52,5% la prima provincia toscana che si incontra è Arezzo in 18a posizione. Le aziende qui hanno faticato a reperire 25.980 lavoratori, il 46,1% del fabbisogno espresso nel 2022.

Al 26° posto ecco la provincia di Pistoia (16.980 lavoratori richiesti, il 44,5% di difficile reperimento), e poi più giù si trova Firenze (35° posto, 97.980 lavoratori richiesti, il 43,9% difficili da trovare). Al 40° posto c'è Siena (22.650 posizioni aperte, 43,5% rimaste tali).

A seguire la provincia di Pisa, che si colloca in 44a posizione con 32.620 lavoratori desiderati, per il 43,0% difficili da reperire. Prato giunge 54a: 28.600 posizioni nel fabbisogno, 40,7% di difficile reperimento. Due posti più giù ecco Lucca (56° posto, 34.420 lavoratori cercati, 40,4% di difficile reperimento) e a seguire Massa (63° posto, 13.930 posti disponibili, 39,9% di difficoltà a trovare lavoratori) e Livorno (72° posto, 32.930 posizioni aperte e il 38,2% di difficoltà a coprirle).

E' andata meglio a Grosseto (99a posizione, 20.520 entrate in sofferenza nel 32,8% dei casi) secondo l'elaborazione dell'ufficio studi della Cgia su dati Excelsior Unioncamere Anpal in valori approssimati alla decina di unità.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno