Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:POGGIBONSI15°24°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 12 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rissa alla Camera, Donno: «Sono crollato dopo un pugno e ho preso tanti calci...»

Attualità martedì 14 novembre 2023 ore 09:20

Diabete, se compare nei bimbi piccoli ruba loro 16 anni di vita

bimbo obeso

Secondo la stima della Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica la diagnosi nei bambini arriva in ritardo nel 40% dei casi



ROMA — Quando insorge in bambini con meno di 10 anni, il diabete di tipo 1 ruba loro 16 anni di vita. Se a ciò si aggiunge il fatto che le nuove diagnosi nel 40% dei casi giunge con ritardo, ecco in agguato il rischio complicanze. Dati e stime arrivano dalla Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica (Siedp) in occasione della Giornata mondiale del diabete che ricorre oggi.

Non solo, perché proprio come riscontrato in Toscana tramite i dati diffusi dall'ospedale pediatrico Meyer, anche a livello nazionale risultano in crescita tra i giovani le nuove diagnosi di diabete di tipo 2: 9% in più ogni due anni negli ultimi 10 anni.

L'emergenza diabete insomma resta, soprattutto tra bimbi e ragazzi. L’Italia tuttavia fa scuola di prevenzione, essendo il primo Paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 con una legge di recente approvazione che come prima conseguenza, spiegano gli specialisti, consentirà di prevenire la chetoacidosi, una grave complicanza acuta che si può presentare come esordio della malattia diabetica. 

"Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico - riferisce la Siedp - in cui la malattia si manifesta con la chetoacidosi, uno squilibrio metabolico grave che porta in pronto soccorso e può lasciare danni permanenti".

Il presidente Siedp Valentino Cherubini, direttore della diabetologia pediatrica degli ospedali riuniti di Ancona, invoca dunque i decreti attuativi della nuova normativa: "Se la malattia ha un insorgenza precoce e compare nei bimbi al di sotto dei 10 anni d’età, causa una perdita di 16 anni di aspettativa di vita. Tuttavia, se diagnosticata in tempo, curata e ben controllata da adulti l’aspettativa di vita è la stessa della popolazione senza diabete", ammonisce.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al secondo turno si sfideranno l’ex sindaco di Casole d’Elsa e il candidato del centrosinistra. Appuntamento 23 e 24 Giugno. Voti e percentuali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica