Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:POGGIBONSI10°13°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità giovedì 12 ottobre 2023 ore 09:40

Contro il taglio di 24 scuole la Toscana fa ricorso al Tar

La Regione continua ad opporsi agli accorpamenti degli istituti scolastici e impugna il decreto del Governo davanti al tribunale amministrativo



TOSCANA — La Regione Toscana continua ad andare avanti nella battaglia contro gli accorpamenti degli istituti scolastici, impugnando anche il decreto del Governo davanti al Tar del Lazio per impedire il taglio di oltre 20 autonomie scolastiche nei prossimi tre anni. 
La decisione della Giunta arriva dopo alcuni passaggi compiuti negli ultimi mesi: il parere negativo espresso sia in Commissione “Istruzione, Università e Ricerca” della Conferenza delle Regioni sia in sede plenaria della stessa Conferenza, il ricorso alla Corte costituzionale contro le disposizioni in legge di bilancio in materia di dimensionamento, e la delibera regionale di indirizzo ai territori con cui la Toscana conferma che il dimensionamento corretto è quello attuale.

Ora la Regione si muove per chiedere alla giustizia amministrativa l’annullamento, con sospensiva in via cautelare, del Decreto interministeriale emanato nel giugno scorso dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, e di tutti gli atti conseguenti che riducono il numero dei dirigenti e dei direttori dei servizi generali e amministrativi delle scuole toscane sin dal prossimo anno.

Il Decreto oggetto del ricorso prevede per la Toscana una diminuzione dagli attuali 470 autonomie scolastiche a 455 per il 2024/2025, scendendo ulteriormente a 452 per l’anno scolastico 2025/2026 e 446 nel 2026/2027.

“In soli tre anni una riduzione di ben 24 istituzioni scolastiche rispetto alla situazione esistente, che non possiamo tollerare” commenta il presidente Giani, sottolineando come le decisioni del governo siano sbagliate “sia nel merito sia nel metodo".

Tra le ragioni del ricorso: eccesso di potere ed arbitrarietà, illogicità manifesta, violazione dei principi di imparzialità, trasparenza, efficienza e di buona amministrazione con riferimento alla garanzia del diritto all’istruzione. Nel mirino della Regione c’è soprattutto il mancato rispetto del principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni e del corretto esercizio del potere sostitutivo previsti dal Titolo V e chiariti dalla giurisprudenza costituzionale. In particolare, le norme del Governo che dispongono i tagli nonostante il mancato accordo in Conferenza unificata Stato-Regioni configura “un secco intervento sostitutivo statale” ed esclude “un coinvolgimento effettivo e realmente collaborativo delle Regioni”, a cui la Costituzione affida la competenza sull’articolazione della rete scolastica. Il ricorso punta inoltre a smontare l’argomentazione secondo cui il provvedimento sarebbe stato imposto dal Pnrr, chiarendo alcuni punti indicati nella Missione 4 del Piano.

“Continueremo a confrontarci con Comuni e Province, tramite ANCI e UPI Toscana, e con le organizzazioni sindacali - concludono Giani e l'assessore all'istruzione Nardini - per condividere come muoverci e opporci a questa scelta e a tutte le altre che avranno come conseguenza tagli alla scuola”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Junior Team di cuochi in trionfo ai Campionati della Cucina Italiana, conquistato l'oro nella categoria "Cucina calda a squadre"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità