Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:25 METEO:POGGIBONSI20°36°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Donald Sutherland interpretò il gerarca fascista Attila nel film «Novecento» di Bernardo Bertolucci
Quando Donald Sutherland interpretò il gerarca fascista Attila nel film «Novecento» di Bernardo Bertolucci

Attualità martedì 19 marzo 2024 ore 19:00

Toscani depressi, uso di farmaci oltre la media nazionale

ragazzo triste

Bambini e ragazzi si sentono giù di morale, tra gli adulti le diagnosi più diffuse sono di disturbi nevrotici e psicosi affettive. L'ultimo studio Ars



TOSCANA — Toscani depressi, sia bambini che ragazzi e adulti, con un uso di farmaci antidepressivi il cui dosaggio medio giornaliero è più elevato rispetto alla media nazionale con 67,6 per 1.000 residenti a fronte del 45,8 per 1.000 residenti di media in Italia. A certificarlo è l'ultimo studio dell'Agenzia regionale di sanità (Ars) sulla salute mentale dei toscani e sui loro accessi ai servizi dedicati, da cui a livello generale si rileva "una netta incongruenza fra il malessere vissuto dalla popolazione e il ricorso ai servizi specialistici". 

In pratica il malessere si fa più pronunciato, non altrettanto l'accesso ai servizi. Il dato potrebbe avere una correlazione con l'impiego elevato di psicofarmaci: "Nella nostra regione, la prevalenza di cittadini in trattamento con farmaci antidepressivi e almeno 6 prescrizioni nell’anno è pari al 3,6% della popolazione totale (18-64 anni: 3%; ≥65 anni: 10,6%).

Quanto agli accessi ai servizi di salute mentale, in controtendenza si collocano i ricoveri fra i bambini con meno di 13 anni che invece aumentano: sono passati dal 3,9 per 1.000 del 2012 al 5,9 per 1.000 del 2022. È la sindrome ipercinetica dell’infanzia a contribuire maggiormente all’aumento generale.

Fra gli adolescenti il trend mostra un deciso aumento in concomitanza con la pandemia, e in questo caso le principali cause di ricovero continuano ad essere il disturbo bipolare (2,6 per 1.000 abitanti), i disturbi specifici dell’infanzia (2,5 per 1.000 abitanti) e in netto aumento sono i ricoveri per disturbi del comportamento alimentare che nel genere femminile sono passati da 2*1.000 (2019) a 3,2*1.000 nel 2022.

E se nella fascia d'età 11-15 anni i ragazzi riferiscono di sentirsi quotidianamente giù di morale nel 20,3% dei casi mentre i più grandicelli lamentano stress psicologico per il 36%, tra gli adulti le diagnosi principali sono i disturbi nevrotici (5*1.000 abitanti) seguiti dalle psicosi affettive (4,9*1.000 abitanti) e le psicosi schizofreniche (2,4*1.000 abitanti). 

Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri, dopo la flessione registrata negli anni 2019-2020, il report dell'Ars osserva una lenta ripresa con valori che nel 2022 tendono a riallinearsi (2019: 3,5*1.000; 2022: 3,1*1.000).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con la prima prova uguale per tutti i cicli di studio ha preso il via l'esame di Stato. A seguire lo scritto differenziato per i vari indirizzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità