Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:POGGIBONSI10°13°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità mercoledì 25 ottobre 2023 ore 18:45

Vendemmia 2023, la dura annata dei vigneti toscani

vendemmia

Il bilancio della raccolta delle uve non è stato omogeneo sul territorio regionale, ma in alcune zone il calo è stato vistoso. Ecco come è andata



TOSCANA — Caldo intenso, piogge e malattie: il 2023 è stato un anno difficile per i vigneti toscani, anche se non per tutti e ovunque allo stesso modo. A trarre un bilancio dell'ultima vendemmia è la Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Toscana.

I frequenti fenomeni estremi, come lunghi periodi di siccità, alternati a grandinate, gelate e forti precipitazioni, hanno messo sotto stress le coltivazioni, attaccate dalle malattie fungine. Un'annata complicata, nel corso della quale le produzioni hanno subito un calo a macchia di leopardo. 

Notevole è stata la differenza nella pressione delle malattie fungine, come la peronospora, anche in vigneti a poca distanza gli uni dagli altri: quelli bagnati più frequentemente dalle piogge o localizzati in zone più umide hanno subito gli attacchi più pesanti, che hanno compromesso frazioni importanti di produzione.

Situazioni più favorevoli, (terreni meno umidi e piogge meno frequenti, varietà più resistenti), assieme alla capacità di imprese e consulenti hanno consentito di mantenere alte le produzioni e la qualità delle uve.

Secondo il report di Fabio Burroni (Odaf Firenze) e Marco Pierucci (Odaf Arezzo), nei casi in cui la peronospora ha originato infezioni, i danni si sono protratti fino a tutto Agosto, soprattutto a carico dei grappoli. 

A Firenze e Siena vitigni come Merlot e Malvasia bianca e nera hanno mostrato una maggiore sensibilità e riportato i maggiori danni mentre il Sangiovese ha mantenuto produzione e qualità nella maggior parte dei casi.

Situazione più semplice sulla costa: nel basso Livornese e in alcune zone del Grossetano i vigneti sono stati meno colpiti, rispetto a molte altre aree della Toscana.

La gestione fitosanitaria del vigneto si è fatta più complicata nelle aziende biologiche, e gli agronomi su questo evidenziano il loro contributo: "In una campagna viticola non semplice, come quella che ci stiamo avviando a concludere, il supporto di tecnici qualificati e capaci di operare oculatamente nel vigneto, ha potuto fare una reale differenza fra vendemmia e non vendemmia", commenta Alfredo Tocchini, dottore agronomo ed enologo.

"I rilievi in campo, i bollettini fitopatologici, i dati delle stazioni meteo aziendali e l'uso di droni sostengono l'agronomo nella lettura della situazione e lo mettono in condizioni di individuare le possibili criticità e proteggere i vigneti", afferma Riccardo Clemente dell'Odaf Siena.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Junior Team di cuochi in trionfo ai Campionati della Cucina Italiana, conquistato l'oro nella categoria "Cucina calda a squadre"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità