Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:53 METEO:POGGIBONSI20°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità domenica 08 novembre 2020 ore 13:08

Telefoni muti al Pronto Soccorso

La protesta del Capogruppo di Pensare Comune: a Campostaggia manca rete mobile, e i pazienti sono separati dal mondo



CASOLE D'ELSA — Duro intervento del capogruppo di maggioranza in Consiglio comunale di Casole, Stefano Grassini, in merito ad una questione annosa del Pronto Soccorso di tutta la Valdelsa: l'assenza di rete mobile.

"Tipico esempio di isolamento: uno scandalo che deve finire! Ormai è diventata una necessità impellente. Mi rivolgo all'Assessore Simone Bezzini, al Sindaco di Poggibonsi Davide Bussagli, a chiunque ne abbia la possibilità, affinché tra le priorità in agenda sia riportata la soluzione di un problema che affligge la zona Pronto Soccorso dell'Ospedale di Campostaggia."

L'assenza di mezzi di comunicazione per i pazienti del Pronto Soccorso è un tema molto dibattuto tra i cittadini, tanto che adesso è al centro del dibattito politico.

Il grido del Consigliere di "Pensare Comune", lista civica che guida Casole ormai da tre legislature, prosegue: " Non c'è linea mobile di nessun gestore che funzioni, e quindi anche i medici, sanitari non sono in grado di comunicare con nessuno. Siamo nel 2020, i mezzi di comunicazione hanno fatto passi da gigante, comunichiamo, basta un antenna che forse tra materiale e messa in funzione avrà un costo totale di circa 5.000€." 

Pertanto l'appello rivolto al colligiano neo assessore alla Sanità Bezzini, e alla ASL Sud-Est è chiaro e semplice.

A "Campostaggia serve un collegamento mobile nella zona Pronto Soccorso!" questa è la richiesta, in sintesi.

Motivata a maggior ragione dal fatto che, in periodo di Covid, non a tutti è permesso di accedere fisicamente alla struttura sanitaria, con cittadini che da interi giorni non ricevono notizie sulla salute dei propri cari.

Convenuto che il rispetto delle disposizioni sanitarie è un dovere, anche il ricordarsi di alcune esigenze più "umane" è doveroso, poichè la solitudine, accompagnata dalla malattia non è certamente il massimo.

L'auspicio pertanto, è che presto anche il Pronto Soccorso della Valdelsa si doti di alcuni ponti radio, o collegamenti innovativi, per garantire la rete necessaria per far funzionare la telefonia mobile anche al Pronto Soccorso di Campostaggia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica