QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
POGGIBONSI
Oggi 10°19° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 21 aprile 2019

Attualità martedì 26 marzo 2019 ore 18:16

A Colle Val d’Elsa rivive la battaglia del 1269

Rievocazione storica con 300 figuranti. L'assessore Moretti: "Un impegno a livello turistico, storico e culturale per la nostra città”



COLLE DI VAL D'ELSA — La battaglia di Colle Val d'Elsa, combattuta nel 1269, rivive attraverso una rievocazione storica.

750 anni dopo lo scontro, 300 figuranti metteranno in scena la battaglia  tra le truppe ghibelline di Siena e quelle guelfe di Carlo d'Angiò edi Firenze. 

La rievocazione, presentata stamani in Consiglio regionale, andrà in scena il 15 giugno al parco del Bacìo, a ridosso delle mura, dove sarà allestito un vero e proprio campo militare medievale ricostruito con la massima attenzione storica e poi, all'imbrunire, la battaglia.

L'appuntamento è organizzato dalla Pro Loco, in collaborazione con Eventi Valdelsa e con il Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche.

Il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, spiega innanzitutto il valore di quanto avvenne nella città in provincia di Siena nel 1269: “È la battaglia che determinerà il successo dei guelfi in Toscana e nelle città della Toscana, comprese Siena e Pisa, che erano ghibelline e poi diverranno guelfe”. Un passaggio storico ‘assoluto’, con il quale Firenze ribaltò “quanto avvenuto 9 anni prima a Montaperti”, quando Siena aveva sconfitto e imprigionato molti fiorentini e determinato un equilibrio a favore alle città ghibelline della Toscana.

L’assessore alla cultura del Comune di Colle Val D’Elsa, Michela Moretti descrive l’organizzazione complessa delle celebrazioni. Lo sforzo, l’obiettivo perseguito, dice “Va oltre la politica: è uno dei più grandi eventi organizzati dal nostro Comune, un impegno a livello turistico, storico e culturale per la nostra città. Un ringraziamento speciale al sindaco, Paolo Canocchi”.

Molti gli eventi collaterali organizzati nell’epoca precedente e successiva alla rievocazione vera e propria. Spiega Mario Provvedi, presidente pro loco “l’11 maggio ci sarà una grande cena in costume, dove saranno serviti gli alimenti dell’epoca con le posate di allora”. Anche in questo caso si terrà una rievocazione dell’avvenimento, con cortei e cavalli in costume; per tutto il mese di maggio ci saranno eventi lungo la città cortei, battitori, sbandieratori.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità