Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:28 METEO:POGGIBONSI12°21°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Torino, lo show di Cruciani a teatro interrotto dagli ambientalisti di Ultima Generazione

Attualità giovedì 30 giugno 2016 ore 15:41

Piazza Scala, è guerra tra Comune e progettista

Piazza Bartolomeo Scala oggi: i tigli non sembrano poi così malati

L'architetto presenta il progetto in una intervista, dicendo che i tigli vanno tagliati, l'amministrazione comunale prende le distanze



COLLE DI VAL D'ELSA — Non c'è pace per Piazza Brtolomeo Scala. Dopo il finanziamento ricevuto da parte della Regione Toscana di 500mila euro per il rifacimento dell'area, dopo che era stato rispolverato un vecchio progetto degli anni Novanta e dopo che allo stesso autore erano state richieste delle modifiche, adesso il Comune di Colle rischia di rimanere con un pugno di mosche in mano. Perchè dopo aver incaricato lo studio progettuale di redigere un nuovo progetto che sarebbe stato consegnato la prossima settimana con le nuove linee guida dell'amministrazione comunale, l'architetto Augusto Mazzini, attraverso una intervista su La Nazione, ha rilasciato dichiarazioni che hanno fatto rimanere l'amministrazione comunale di stucco. Il professionista ha detto che il progetto è già pronto, che la piazza sarà tutta in travertino e soprattutto che alcuni tigli, malati, verranno abbattuti. Tutti elementi, resi pubblici, ancor prima di averli riferiti all'amministrazione comunale che, secondo gli accordi presi, doveva portare in fondo il progetto passando per tutti i canoni che queste procedure impongono: dal preliminare al definitivo, fino all'esecutivo. Ecco perché una volta lette le dichiarazioni del professionista, il Comune ha visto bene di alzare le barricate: “Riguardo alle dichiarazioni del professionista di questa mattina sulla stampa locale, l'amministrazione comunale di Colle di Val d'Elsa prende le dovute distanze. Ribadiamo con fermezza - si legge in una nota ufficiale - che non è stato ancora deliberato nessun progetto esecutivo”. Se nei giorni scorsi il sindaco aveva dichiarato in un incontro pubblico che ancora non aveva visto il progetto e aveva aperto una probabile porta a non abbattere i tigli, questa mattina sarebbe stato smentito in toto dall'architetto. Una distanza, quella presa dal Comune, che fa pensare che qualcosa si sia rotto definitivamente: una situazione decisamente ingarbugliata che verrà districata solo nei prossimi giorni, con l'eventuale approvazione del progetto da parte della giunta


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Centro Studi Tagliacarne ha tracciato la mappa del risparmio in Italia. Toscana nella top ten, fiorentini in testa alla classifica regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità