Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:POGGIBONSI18°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 28 dicembre 2016 ore 15:30

Il terremoto visto attraverso un presepe

Mentre i volontari della Prociv sono impegnati a Tolentino, Maria Rosa Occorso realizza un Presepe dedicato a Castelluccio di Norcia



CASTELFIORENTINO — Dai profili social traspare la passione e l’entusiasmo che sta tenendo compagnia ai volontari castellani in questi giorni (dalla Prociv alla Polizia Municipale) lontani dalla loro casa ma confortati dall’affetto delle persone che stanno aiutando. Un mosaico di pensieri, parole, immagini che raccontano, più di ogni altra cosa, le emozioni, i sorrisi, i loro sentimenti più autentici.

Un lungo abbraccio stringe la comunità di Castelfiorentino a quelle colpite dal sisma, che si manifesta ormai in numerose occasioni. L’ultima, in ordine di tempo, il presepe realizzato da Maria Rosa Occorso nell’ambito de La Via dei presepi dedicato a Castelluccio di Norcia, “Dove andavamo spesso – osserva Maria Rosa – perché avevamo amici che praticavano il parapendio.”

All’interno del presepe, che rappresenta appunto il paese devastato dal terremoto, un grande Cristo quasi incastonato nelle rocce alza le mani al cielo in segno di preghiera, mentre in pianura un lungo prato colorato di fiori gialli, bianchi e rossi porta con sé l’inizio di una nuova vita, un messaggio di speranza.

“Ho iniziato a fare questo presepe – osserva Maria Rosa Occorso - nel mese di ottobre. Avevo il desiderio di realizzare un’opera in qualche modo collegata alla realtà che stiamo vivendo, ma volevo anche invitare le istituzioni a non dimenticarsi mai di loro, dei terremotati, anche quando sarà superata definitivamente la fase dell’emergenza”.

Oltre 12mila euro sono stati raccolti da Castelfiorentino per le popolazioni terremotate, ai quali va aggiunto il ricavato del pranzo dell’11 dicembre, destinato proprio alla comunità di Tolentino. Contestualmente, proseguono le iniziative per raccogliere fondi a favore di Castelnuovo d’Elsa, dove il campanile della Chiesa è stato danneggiato dalle scosse avvenute in Valdelsa alla fine di ottobre, e per il quale si sono già tenuti due concerti all’inizio di dicembre. Domani sera, a Castelnuovo (Chiesa di Santa Maria Assunta, 21.15, offerta libera) è in programma il concerto natalizio “Fredda è la notte di Betlemme” del coro di San Lorenzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'obiettivo è rendere gli alloggi Erp inutilizzati di nuovo assegnabili, rimettendo a disposizione di chi è in attesa circa 500 abitazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

Lavoro