Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI15°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Turisti feriscono due cuccioli d'orso per farsi un selfie

Attualità mercoledì 28 dicembre 2016 ore 18:18

​L'albergo donato ai nonni certaldesi

La consegna delle chiavi

Franchita Nencini, erede dell'hotel "Il soggiorno" ha donato l'edificio al centro Egiziano Giglioli che si occupa di assistenza agli anziani



CERTALDO — L'anno sta per finire ma il 2016 rimarrà nella storia di Certaldo come l'anno in cui Franchita Nencini donò il suo albergo agli anziani.

Il 20 ottobre, nella sua abitazione di Viareggio, Franchita Nencini, originaria di Certaldo, ha concretizzato davanti al notaio Stella Bartoletti la sua volontà di donare al Centro Giglioli l’immobile di sua proprietà, sede dello storico albergo Il Soggiorno, di Borgo Garibaldi.

Il Soggiorno nacque grazie al nonno di Franchita Nencini, Antonio Nencini e in seguito venne gestito dai figli e dalle nuore Marco e Olga Gasparri (genitori di Franchita) e Raffaello e Maria Calamassi, da tutti conosciuta come Leda.

Noto anche come albergo Nencini era molto apprezzato per l’accoglienza e l’eleganza.

Pur rimanendo la proprietà dell’immobile alla famiglia Nencini, l’attività fu in seguito ceduta ad altri soggetti che rinominarono l’albergo in La Speranza. L’albergo ha lavorato fino al 2007, dopodiché, l’attività è stata cessata.

La signora Franchita, divenuta unica erede (figlia unica di Marco e Olga mentre Raffaello e Leda non hanno avuto figli) non aveva mai seguito direttamente l’attività dell’albergo. Sposata con Lamberto Giannecchini, medico di famiglia, si trasferì a Viareggio nel 1958. I figli, Marco e Umberto, hanno intrapreso altri percorsi professionali.

Così l’idea iniziale di Franchita Nencini fu quella di vendere l’immobile, ma con il passare del tempo prese sempre più corpo il pensiero di donare l’immobile a un ente a scopo benefico. Quindi l’individuazione del Centro Giglioli come istituto beneficiario.

“Siamo contenti di ricevere la notizia della donazione di questo importante immobile in pieno centro e che puo' avere finzioni strategiche per il nostro territorio – dice il sindaco di Certaldo Giacomo Cucini – siamo disponibili da subito a collaborare con il cda per capire le funzioni e ridare vita prima possibile a quell'immobile. Ringraziamo la ex proprieta' per questo bellissimo gesto nei confronti della casa di riposo, eccellenza del nostro territorio”.

 Franchita Nencini è stata iscritta nella sezione Benemeriti dell’albo dei benefattori del Centro Giglioli in segno di riconoscenza e memoria per i posteri, accanto a nomi che hanno fatto la storia dell’istituzione di Certaldo: Egiziano Giglioli, Moderato Bordoni, Don Paolo Lucii, Ebe Masini, Raffaello Montagnani, i soci della disciolta Associazione Casa del Popolo Giovanni Boccaccio di Certaldo Alto, Marcella Pertici, Valeria Tordini e Don Mario, solo per citarne alcuni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Agricoltura in allarme per il brusco calo delle temperature che rischia di danneggiare le piante spinte alla fioritura dal caldo dei giorni scorsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità