Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI15°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Turisti feriscono due cuccioli d'orso per farsi un selfie

Attualità mercoledì 27 aprile 2016 ore 18:06

Mancano spazi al cimitero, si razionalizza

Cambia il regolamento dei servizi cimiteriali comunali: concessioni ridotte e riuso dei loculi per ottimizzare lo spazio, camera ardente



CERTALDO — I cambiamenti più significativi hanno riguardato l'introduzione di nuovi criteri per l'ammissione di salme, resti ossei e ceneri alla sepoltura, che tengano conto, oltre che dei legami di parentela, anche di quelli derivanti da unioni giuridicamente tutelate e che garantiscano parità di trattamento senza distinzione di origine, cittadinanza o religione.

Una modifica riguarda anche i giorni sepoltura, dai quali viene adesso esclusa la domenica. Le sepolture quindi non si effettueranno più di domenica, né nei giorni del 25 e 26 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio, 2 giugno, 3 luglio (Santo Patrono), 15 agosto, 1 e 2 novembre. Le sepolture verranno eseguite il giorno successivo a tali date e, nel caso in cui sia una domenica, il primo giorno feriale successivo. Nell'attesa della sepoltura, i feretri saranno naturalmente collocati nella camera ardente / sala del commiato.

Per quanto riguarda invece l'introduzione di nuovi servizi, si è prevista la creazione di un locale destinato alla sosta temporanea di salme in attesa di seppellimento o destinate alla cremazione, la creazione di una camera/sala ardente del commiato per la custodia ed esposizione dei feretri per la celebrazione di riti di commemorazione e commiato, e per l'attesa del seppellimento o altre esigenze connesse; la creazione di un cinerario comune per la dispersione delle ceneri; una diversa regolamentazione sulle tipologie di materiali e le caratteristiche di lapidi e copritomba per dare maggiore omogeneità all'aspetto delle sepolture.

Previsto poi, al fine di ottimizzare lo sfruttamento della capacità dei cimiteri stessi, la riduzione della durata delle nuove concessioni, che passano da un massimo di 50 anni a 40 anni, la possibilità di riuso dei loculi o anche di riacquisto da parte dell'ente comunale della concessione (ci sono infatti loculi dati, in passato, in concessione perpetua o fino a 99 che in questo modo possono essere riutilizzati), la regolamentazione del subentro all'intestatario della concessione di loculo, ossario, tomba privata, ecc... la possibilità di retrocessione per i concessionari degli stessi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Agricoltura in allarme per il brusco calo delle temperature che rischia di danneggiare le piante spinte alla fioritura dal caldo dei giorni scorsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità