Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:POGGIBONSI22°34°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Attualità giovedì 07 luglio 2022 ore 10:24

Salvarono famiglie ebree, sono nei "Giusti"

Egidio Calamassi e Santina Simoncini dalla frazione di Sensano salvarono due famiglie ebree dai Nazisti. Israele li ha assegnato il massimo prestigio



MONTERIGGIONI — In un’epoca segnata dagli orrori e dalla caduta dei valori della civiltà, alcune persone eccezionali si sono opposte alla legislazione antisemita e alla politica di sterminio nazi-fascista, rischiando la propria stessa vita in nome dell’amore per il prossimo. Sono i Giusti fra le Nazioni, i cittadini italiani riconosciuti Giusti fra le Nazioni dallo Yad Vashem di Gerusalemme sono circa 700. Da oggi all'elenco si aggiungono anche i nomi di Egidio Calamassi e Santina Simoncini di Monteriggioni.

Il salvataggio ha coinvolto la famiglia ebraica Viterbo, composta da Carlo Alberto con la moglie Nella Uzielli e il figlio Giuseppe, residente a Firenze, e Cesira Soria, la governante assunta dal nonno Uzielli, per le sue due figlie e che, orfana, da sempre viveva con il nucleo familiare. Gli Uzielli avevano lasciato il ghetto di Roma nei primi anni del XlX secolo trasferendosi a Siena e avevano acquistato una fattoria a Sensano nel Comune di Monteriggioni dove trascorrevano molti mesi e Carlo Alberto vi si era stabilito avendo dovuto come sionista e non fascista chiudere lo studio di avvocato

Il fattore degli Uzielli era Egidio Calamassi e la fattoressa la giovane vedova Santina Simoncini che poi sposerà. Nel settembre 1943, mentre Carlo Alberto era rimasto bloccato Roma dove lavorava, Nella e Giuseppe si trovavano a Sensano. I Calamassi aiutarono Nella ed il figlio a nascondersi dai tedeschi trasferendo la famiglia di ebrei in un podere vicino di proprietà dell’Arcivescovo di Siena e costantemente hanno provveduto al sostentamento dei fuggiaschi, fino a quando Carlo Alberto, riuscito a Roma a procurarsi dei documenti ad altro nome intestati, mando a prenderli con un auto e con un con un viaggio molto avventuroso riuscirono a ricongiungersi.

La governante Cesira Soria, anziana e malata, rimase tutto il periodo a vivere a casa con Egidio e Santina che la accudirono mettendo a rischio la propria vita. Altra importante gesto di salvataggio è stato compiuto dai Calamassi nei confronti della famiglia Grunwald. Dely Grunwald, figlia del bibliotecario del collegio rabbinico all’epoca, aveva trascorso a Sensano vari mesi come insegnante del piccolo Viterbo e vi arrivò in cerca di aiuto con i genitori e il fratello dopo la retata di Firenze del 6 novembre e furono Egidio e Santina a ospitarli quella notte e per altri due giorni e dettero loro modo di trovare un rifugio.

È per questi fatti che lo Yad Vashem ha riconosciuto a Egidio Calamassi e Santina Simoncini il titolo di “Giusto fra le Nazioni”. La cerimonia per l’attribuzione della più alta onorificenza civile dello Stato d’Israele si è svolta stamattina nella Sala Congressi di Abbadia Isola. A rievocare i fatti storici, nell'emozione collettiva degli invitati alla cerimonia, i racconti di Lionella Neppi Modona Viterbo, nuora della salvata Nella Uzielli Viterbo, di Marcello Di Segni, nipote di Dely Grunwald, e la testimonianza di Chiara De Santi, nipote dei nuovi Giusti fra le Nazioni Egidio e Santina.

Come ha sottolineato Smadar Shapira, Consigliere per gli Affari Pubblici dell’Ambasciata di Israele, nel corso del suo intervento: “Egidio Calamassi e Santina Simoncini compresero che potevano scegliere. E scegliendo hanno mostrato a tutti, anche a noi, che, di fronte alla ingiustizie, non si può rimanere in silenzio. Di fronte alla scelta fra il bene e il male, Egidio Calamassi e Santina Simoncini hanno scelto il bene. Hanno agito salvando la vita di molte persone e il futuro di intere generazioni. “ 

“E’ con profondo orgoglio e onore che il Comune di Monteriggioni ospita oggi questa cerimonia nel Complesso monumentale di Abbadia a Isola, un luogo che per ciò che rappresenta, esprime quei valori identitari di accoglienza e solidarietà che connotandola nostra comunità - ha dichiarato Andrea Frosini, Sindaco di Monteriggioni, presente alla cerimonia di commemorazione – Egidio Calamassi e Santina Simoncini sono esempio per tutti noi, ancora oggi. Loro hanno saputo dare una risposta coraggiosa, senza voltarsi dall’altra parte, decidendo di schierarsi dalla parte giusta della Storia”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Aveva creato insieme a dei soci il panificio "Il laboratorio" nella piazza antistante il Comune. Un'attività centrale e fondamentale negli anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità