Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:POGGIBONSI14°25°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sesso e mafia - Esca viva: Maria Concetta attirata in trappola da sua madre

Attualità mercoledì 19 aprile 2023 ore 16:33

Manca poco, la casa famiglia aprirà presto

Sbloccato l'impasse che ha stoppato i lavori per molti mesi, adesso la previsione è che entro l'autunno il servizio di assistenza possa partire



POGGIBONSI — In fase di predisposizione gli arredi per il polo destinato a minori e adolescenti che nascerà in piazza XVIII luglio nell’ex asilo a Poggibonsi. L’edifico, 560 metri quadri di superficie, è stato oggetto di un intervento realizzato nell’ambito del Programma Regionale POR FESR 2014-2020 cofinanziato con fondi europei.

Un investimento di 1,1 milione di euro con cui l’edificio in disuso è stato riconvertito per accogliere due diverse funzioni: buona parte del piano terra (dove è possibile sfruttare anche lo spazio esterno) sarà un polo di aggregazione destinato a minori e adolescenti della Valdelsa con la ricollocazione di servizi già esistenti e la creazione di nuovi; il piano primo e una piccola porzione del piano terra saranno per la comunità a dimensione familiare, struttura residenziale in grado di accogliere i minori con progetti individuali che puntano a valorizzare i bisogni di ciascuno.

“Un complesso di servizi da destinare alla fascia dei minori e degli adolescenti – dice l’assessore alle Politiche Sociali Enrica Borgianni - Una tipologia di servizi che, per quanto riguarda la comunità a dimensione familiare, ha natura anche estremamente innovativa per la nostra area e ha avuto bisogno di un percorso di progettazione anche gestionale con la Fondazione Territori Sociali Altvaldelsa”.

Parallelamente è stato definito il progetto degli arredi in funzione della gestione e successivamente sono state attivate le procedure di gara per la fornitura, la posa in opera e l'installazione di tutti gli elementi di arredo e delle sistemazioni interne dell’edificio.

Le procedure di gara sono state andate deserte per ben due volte. “Una criticità tipica di questo momento – dice Borgianni – Adesso l’iter è andato finalmente a buon fine e potremo procedere nel prossimo periodo ad arredare la struttura. Questo ci consentirà di riprendere il percorso utile per attivare i servizi previsti a partire da quelli relativi al centro aggregativo”.

I servizi del polo di piazza XVIII luglio saranno gestiti dalla FTSA che si avvale per la comunità a dimensione familiare dello strumento della coprogettazione, una modalità di costruzione, affidamento e gestione di iniziative e interventi sociali attraverso una partnership tra pubblica amministrazione e soggetti del privato sociale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno