Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:POGGIBONSI12°25°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni, messaggio a Schlein: «Dica quali libertà avrei cancellato»

Cultura martedì 04 luglio 2023 ore 11:36

L'arte prende casa con "Paesaggi contemporanei"

Il festival di Radicondoli oltre alla performances teatrali vede a margine l'importante rassegna di arte contemporanea d'impatto



RADICONDOLI — Ad apertura della XXXVII edizione del Radicondoli Festival che presenta un ricco programma di teatro, danza, musica e incontri, l’8 e il 9 di luglio si inaugura Paesaggi Contemporanei, il progetto di arte del Comune di Radicondoli a cura di Fabio Gori. Ancora una volta i segni dell’arte contemporanea si intersecano con lo spettacolo dal vivo e diventano un elemento importante di incontro e riflessione tra gli artisti invitati e il luogo che diventerà il palcoscenico della loro creatività.

Per questa terza edizione saranno coinvolti: Vittorio Corsini, Luca Gilli e Paolo Fabiani, tre artisti che hanno lavorato su progetti pensati per la particolarità ambientale e architettonica di Radicondoli; Carlo Cantini con le fotografie realizzate per lo spettacolo Antigone una storia africana, un progetto del 2014 di Massimo Luconi con giovani attori senegalesi; Beppe Brotto, musicista e performer, che eseguirà dentro l’atmosfera mistica del boschetto una architettura sonora realizzata appositamente per questo luogo.

Sul rapporto fra arte e video prosegue la collaborazione con lo Schermo dell’Arte che presenterà Letizia Battaglia Shooting the Mafia di Kim Longinotto (Irlanda, Stati Uniti, 2018, 94’). Donna determinata e coraggiosa, Letizia Battaglia è una delle fotografe più conosciute del mondo. Il film, che ne traccia un intimo e fedele ritratto, la segue nel suo impegno per combattere il male di una città dalle mille contraddizioni, la sua amata Palermo.

Paesaggi contemporanei è un progetto nato per valorizzare attraverso l’intervento artistico alcuni luoghi del borgo che si affaccia sulle colline metallifere del senese, per farli rivivere. Ed è anche occasione per acquisire nel tempo una collezione permanente che si disloca per le vie e i luoghi del borgo. Iniziata nel 2021 con le opere di Antonello Ghezzi “vedere me in te” (Ex lavatori) e Moussa Traore “Preghiera” (Agriturismo Le Cantiere), proseguita con le opere "Catturare il Riflesso" realizzate con i tre segni "simbolo" di Franco Ionda - chiodi stelle teste – (centro storico) e l'installazione "Abbraccio" di Giuseppina Giordano (Ex Ospedale). Per questa terza edizione saranno acquisite opere di Vittorio Corsini, Paolo Fabiani e Luca Gilli.

Arte e natura: il senso della meraviglia è il titolo della mostra che propone una selezione di fotografie inedite del progetto realizzato da Luca Gilli durante la sua residenza artistica a Radicondoli. Il gesto fotografico di Gilli rivela occhi spalancati, da mente e fantasia, sul confine tra visibile e invisibile, tra natura e artificio. Il suo è uno sguardo, per così dire, “fuori campo”, attento a ogni tipo di dettaglio e situazione, che fa della semplicità la sua forza e si lascia sedurre e trasportare soprattutto dalle cose ordinarie, marginali. 

Vittorio Corsini presenta un’installazione site specific sulle mura del paese guardando l’immensità del mare di terra e erba che circonda il paese, una scritta luminosa, Nel paesaggio bisogna farsi ciechi: una riflessione dell’artista che invita a emozionarsi non solo con gli occhi.

Dopo le performance della scorsa edizione, Paolo Fabiani riprende il suo rapporto con Radicondoli con due opere, Respira Paolo, respira!e Turris Babel, di cui una in ceramica progettata per la terrazza del palazzo comunale. Queste due opere sono legate dallo stesso gesto, il blu oltremare che si espande sul bianco, raccontando in modo diverso il disordine.

Carlo Cantini, maestro della fotografia d’arte, presenta le foto dello spettacolo Antigone una storia africana, un progetto di Massimo Luconi realizzato con giovani attori senegalesi, andato in scena al teatro Fabbricone a Prato nel 2014.

Beppe Brotto, musicista e perfomer, virtuoso di uno strumento di rara e difficile esecuzione come la viola nepalese, eseguirà il 18 luglio, dentro l’atmosfera mistica del boschetto, un progetto sonoro realizzato per Radicondoli


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Decolla l'indagine che coinvolge 46 territori comunali in Toscana e circa 800 in Italia. Aderire è obbligatorio. Ecco l'elenco dei Comuni interessati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità