Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:11 METEO:POGGIBONSI19°30°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 29 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, nuovo blocco del Gra. Per fermare il taxi l'attivista salta sul cofano: «Scendi o ti sfondo»

Cultura venerdì 20 maggio 2022 ore 17:35

La statua di Dina Ferri arriva a Bologna

La scultura in bronzo, ad opera di Andrea Roggi, è stata voluta nel 2006 dai cittadini per celebrare la poetessa



RADICONDOLI — La statua della poetessa Dina Ferri continua il proprio percorso nel mondo della cultura con la Mostra Collettiva “Scolpite” che arriva a Bologna.

A partire dal 13 maggio, infatti, l’esposizione promossa e organizzata da Associazione Donne Fotografe sarà aperta presso il Quadriportico dell’ Archiginnasio a Bologna fino al 28 maggio 2022.

Attraverso lo sguardo di 35 artiste dell’Associazione Donne Fotografe, la mostra Scolpite si propone di contribuire attivamente con il linguaggio fotografico alla creazione di una visione aperta e critica della figura della donna nell’immaginario collettivo e di stimolare una riflessione sulla presenza della donna nella statuaria e, in particolare, sulla sua assenza nella statuaria pubblica.

Il monumento a Dina Ferri dedicato alla poetessa pastorella, scultura in bronzo realizzata dal maestro Andrea Roggi, che dal 2006 accoglie i visitatori all’ingresso del paese, è diventato soggetto fotografico per raccontare la storia di una donna, grazie allo sguardo di Giuliana Mariniello, autrice dello scatto.

Dina Ferri (1908-1930) può essere considerata la figura che rappresenta meglio di ogni altra il legame tra il passato e il futuro di questa terra. 

Un passato fatto di fatica, di difficoltà e di ostacoli da superare: Dina era una bambina povera, il suo lavoro fin da piccolissima era di far pascolare le pecore, ma la bellezza che la circondava risvegliava in lei il desiderio di conoscere, osservare, amare i paesaggi e la vita lenta che li muoveva. E Dina si proietta anche nel futuro, riesce a dare voce ai suoi pensieri e forma alle sue immagini attraverso la poesia, e in questo senso precorre il futuro che Radicondoli sta scegliendo oggi, decidendo di preservare il suo territorio e invitando a condividere una vita a misura umana.

Le artiste in mostra sono: Vittoria Amati, Tiziana Arici, Alessandra Attianese, Lucia Baldini, Isabella Balena, Raffaella Benetti, Patrizia Bonanzinga, Marianna Cappelli, Loredana Celano, Isabella Colonnello, Antonietta Corvetti, Giovanna Dal Magro, Margherita Dametti, Colomba D'Apolito, Isabella De Maddalena, Flavia Faranda, Fulvia Farassino, Simona Filippini, Antonella Gandini, Claudia Ioan, Silvia Lelli, Sonia Lenzi, Marzia Malli, Giuliana Mariniello, Paola Mattioli, Melania Messina, Rosetta Messori, Antonella Monzoni, Bruna Orlandi, Nicoletta Prandi, Patrizia Pulga, Patrizia Riviera, Anna Rosati, Margherita Verdi, Amalia Violi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una storia che passa attraverso ricette e piatti riprodotti fedelmente i base agli studi del dipartimento di archeologia medioevale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Politica

Attualità