Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI15°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, rissa scoppiata alla Darsena tra lanci di bottiglie e scazzottate

Attualità giovedì 24 dicembre 2020 ore 10:26

Premiato il rap "made in Valdelsa"

Il contest giovanile si è spostato dalla strada ai social. In questi giorni sono stati decretati i vincitori



POGGIBONSI — La musica in generale l'arte si sono dovuti reinventare durante questa pandemia con la scoperta di nuove forme di comunicazione e diffusione, un esempio è stato il progetto #Rhymesfighters2, il concorso di musica rap organizzata su Instagram dagli operatori di “Piglia Bene”, che dalle street battles è passato ai social

Un progetto innovativo nel campo delle politiche giovanili, che mira a promuovere le attività dei ragazzi, nato e sviluppato dal lavoro degli operatori di strada, sostenuto dai comuni della Valdelsa tramite la Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e dalla Asl.

“Abbiamo chiamato questa seconda edizione Piglia Male perché il clima era cambiato rispetto a marzo – spiega Matteo Ceccherini, psicologo e coordinatore del progetto - Ci ha sorpreso la risposta dei ragazzi, la qualità e la maturità nell'affrontare i temi proposti sempre all'insegna del supporto reciproco che caratterizza la cultura hip-hop”.

Trentadue tra giovani e giovanissimi, in maggioranza residenti in Valdelsa, ma provenienti anche da altre zone della Toscana, hanno prodotto più di cinquanta video visibili su Instagram digitando l'hashtag #rhymesfightyers2. 

Lo scontro a eliminazione diretta è stato vinto da Riccardo Pozzi, in arte Rikireddawg da Siena, classe 91, sono stati premiati tutti i ragazzi arrivati alle semifinali più due menzioni speciali. I giovani avranno la possibilità di registrare in uno studio a Staggia, che sarà messo a disposizione nella sede della Misericordia.

Un segnale importante in una fase storica dove l'arte è stata azzerata dalla pandemia, teatri e sale concerto sono deserte, ma questo tempo immobile può essere usato per approfondire, perfezionare, studiare e sperimentare, così da essere pronti, una volta che sarà possibile, tornare sulle scene.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità