Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:06 METEO:POGGIBONSI20°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bonafede irritato dalla domanda su Salvini: «Non mi interessa quello che dice»

Attualità martedì 26 gennaio 2021 ore 10:31

Tutto pronto, l'ex carcere sta per cambiare volto

Giovedì ci sarà il passaggio della proprietà all'investitore "Opera Laboratori". Un albergo ma anche spazi per mostre ed eventi



SAN GIMIGNANO — Il 28 gennaio sarà una giornata storica per San Gimignano, la data tanto attesa che porterà alla firma del contratto di concessione in project financing per beni culturali.

Alla presenza del sindaco Andrea Marrucci e del presidente di "Opera Laboratori", Beppe Costa, sarà suggellato l'atto che segna il passaggio dell'ex carcere di San Domenico alla società che dovrà occuparsi della riqualificazione dell'area.

Il comune valdelsano nel 2011 è stato il primo ad attuare il federalismo demaniale culturale grazie a un “Accordo di valorizzazione” siglato con il Mibact e l’Agenzia del Demanio. Opera Laboratori, attraverso la controllata Opera San Gimignano si è aggiudicata la gara dell’ottobre 2019, con il progetto di trasformazione parziale del complesso in un resort di lusso. Con questo restauro che durerà per 3 anni, la società investirà 20 milioni di euro.

Il contratto prevede che parte dell'ex casa circondariale sia trasformata ad uso pubblico, verrà creato un centro polivalente di 7 mila metri quadri nel centro storico. Ci saranno: un'area convegni, una per le esposizioni, info point, residenze artistiche, summer school, area esterna con mille posti a sedere per teatro e lirica, per la stagione artistica estiva

Più del 10% dell'intero borgo sarà completamente trasformata aprendo anche alle aziende e al commercio. Nascerà un agribar, servizi igienici, gallerie multimediali, il percorso di camminamento di ronda con vista sullo skyline della città turrita e botteghe artigianali locali.

Un progetto epocale e imponente che ha visto una parte dei cittadini contrari ad una grande struttura ricettiva nuova, visto l'attuale stato economico del settore. La crisi attuale del turismo, per alcuni, mette a fuoco l'inutilità di nuovi posti letto, con il rischio di un investimento fallimentare per mancanza di ospiti.

Sarà, comunque la si pensi, una momento storico quello di giovedì. Dopo quindici anni di abbandono, polemiche infinite e tempi burocratici lunghissimi, l'ex carcere inizia il percorso che lo vedrà trasformarsi nel giro di 3 anni. Un'attesa e una curiosità che già si fa sentire.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità