Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:POGGIBONSI11°21°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità venerdì 01 marzo 2024 ore 17:00

Il lavoro? Fra i toscani è corsa a cambiarlo

persone

Sono gli psicologi toscani a registrare la tendenza in crescita. Tra le principali motivazioni stress, voglia di novità, conflitti relazionali



TOSCANA — Fra i toscani è corsa a cambiare lavoro: è quanto registrato da oltre la metà (55%) degli psicologi della Toscana tra i loro pazienti. Desiderio o esigenza stringente, tra le motivazioni principali ci sono lo stress sul luogo di lavoro (49%), il desiderio di cambiamento (20%) e i conflitti relazionali (11%).

I dati sono confluiti nell’ultimo studio che l’Ordine degli Psicologi della Toscana ha condotto in collaborazione con il laboratorio di Psicometria del Dipartimento Neurofarba (Università degli Studi di Firenze), per indagare lo stato di salute psicologica dei toscani nel periodo di tempo tra Marzo 2022 e Marzo 2023.

"Le ultime sentenze della Corte di Appello e della Corte di Cassazione sullo stress da lavoro riconoscono lo stress lavoro-correlato causa di danno cronico alla salute", rammentano gli psicologi.

“Quello che noi psicologi notiamo è un aumento del disagio che i pazienti provano sul luogo di lavoro o a causa della loro condizione lavorativa”, commenta Rossella Capecchi, Psicologa, Consigliera Segretario dell'Ordine degli Psicologi della Toscana e referente del gruppo di lavoro in psicologia del lavoro e delle Organizzazioni.

“Parallelamente sta crescendo anche l'interesse dei datori di lavoro, sia nel pubblico che nel privato, verso il benessere psicologico dei propri dipendenti, che si traduce per esempio in convenzioni con professionisti iscritti all'Ordine per percorsi di supporto psicologico da inserire nei pacchetti welfare, o nell'apertura di sportelli di consulenza psicologica per i lavoratori". 

La legge 81 del 2008 stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di valutare e gestire il rischio di stress lavoro-correlato, ma ci sono ancora molti passi da fare a livello culturale: "In questo quadro sono un segnale molto importante alcune recenti sentenze che individuano per la prima volta un nesso di correlazione tra salute psicologica e condizioni di lavoro anche in mancanza di vessazioni”, conclude Capecchi.

Prendersi cura del benessere psicologico anche negli ambienti lavorativi ha conseguenze positive sulla qualità della vita dei dipendenti ma anche sulla produttività delle aziende, un lavoratore che sta bene fa meno assenze e svolge meglio le proprie mansioni”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno