Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI11°21°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del rapimento di 5 soldatesse israeliane il 7 ottobre, insulti e sangue

Attualità domenica 03 dicembre 2023 ore 12:15

Cambia il Cup, verso presa in carico e codici di priorità

Foto di archivio

Il centro unico di prenotazione si riorganizza. Se non c'è posto sarà l'azienda sanitaria a ricontattare il cittadino. Verso il numero unico



TOSCANA — Sanità, arrivano delle novità in Toscana. Come spiega la Regione d'ora in poi nessuno dovrà più sentirsi rispondere al telefono che le agende sono chiuse, che non c’è posto, che la prenotazione è impossibile e quindi ritentare tra una o due settimane per prenotare una visita specialistica o un esame diagnostico. Il Cup, il centro unico di prenotazione, si riorganizzerà e diventerà proattivo. In ogni azienda sanitaria un servizio di help desk prenderà in carico la richiesta e ricontatterà il cittadino, in caso di offerta indisponibile per prestazioni urgenti o di fronte ad errori nella prescrizione da parte del medico.

“Lo strumento che inizieremo a testare nei prossimi mesi si aggiunge agli altri già messi in campo finora – spiegano il presidente della Toscana Eugenio Giani e l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini -: tra questi ci sono i nuovi indirizzi sulle prescrizioni e la gestione delle agende, ad esempio. L’help desk sarà utile a garantire una migliore presa in carico in situazioni controverse e per le prestazioni a più alto codice di priorità”.

L’innovazione sta in una delibera approvata dalla giunta regionale su proposta di Bezzini, assieme ad indirizzi ed azioni ulteriori per semplificare la prenotazione: come la possibilità di prenotare tutte le prestazioni di primo accesso attraverso il portale regionale (da dove oggi passa oltre il 15% delle richieste ma da cui il 30% delle prestazioni sono oggi escluse), come la riorganizzazione dei front office aziendali oppure nuove linee guida per gli operatori dei call center e l’avvio dell’iter per attivare un numero telefonico unico regionale a cui rivolgersi per prenotare.

Servizio di assistenza, anche on line
Sarà l’operatore telefonico, si spiega nella delibera, a smistare la pratica a chi di competenza nel caso di impossibilità a poter soddisfare la richiesta. Se il cittadino sta invece prenotando attraverso la piattaforma on line o con la app Toscana Salute un messaggio indicherà al paziente di rivolgersi al call center o ad uno sportello fisico per la presa in carico e l’attivazione del percorso di tutela. Il servizio di assistenza dovrà essere attivato anche nel caso in cui la prima disponibilità sia offerta in territori ben distanti alla residenza del cittadino.

I codici di priorità e riserve di posti
Le prestazioni con codice di priorità U sono quelle da garantire entro 72 ore e nella zona distretto o presidio ospedaliero di riferimento. Le prestazioni con codice B dovranno trovare disponibilità entro dieci giorni. Le prestazioni di primo accesso con classe di priorità D (differibile, entro trenta o sessanta giorni) e P (programmata, entro quattro mesi) saranno all’inizio prese in carico secondo le modalità già previste in ogni azienda. Per gestire i vari casi gli operatori dell’help desk potranno attingere in tempo reale ad una riserva di disponibilità giornaliera e a posti lasciati liberi per disdetta.

Equipe uniche di cura
La delibera affronta anche il tema delle “equipe uniche di cura”. Questa nuova modalità, che sarà attivata in forma sperimentale, consentirà di risolvere il collo di bottiglia che a volte si crea tra specialisti di strutture private, magari accreditate o convenzionate con il sistema sanitario regionale ma che non possono prescrivere prestazioni sanitarie. Un’agevolazione e semplificazione per il paziente, che nei prossimi mesi non si troverà più ad andare dal medico di famiglia con il suggerimento dello specialista, il medico prescrivere la prestazione e quindi il cittadino rivolgersi al Cup per prenotarla.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Seicento operatori dell'occulto con 40mila clienti: sono i numeri del fenomeno in Toscana secondo l'Osservatorio Antiplagio. Occhio alle truffe
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità