Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:47 METEO:POGGIBONSI20°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Politica giovedì 07 agosto 2014 ore 14:35

Un bilancio che fa ancora discutere

Nonostante l'approvazione a maggioranza, Pd e M5S si scagliano contro le decisioni del sindaco Paolo Canocchi



COLLE DI VAL D'ELSA — Continua a far discutere l'approvazione del bilancio preventivo avvenuta la scorsa settimana nell'ultima seduta del consiglio comunale di Colle. Dopo le parole del capogruppo del Pd Stefano Nardi che aveva spiegato la richiesta fatta al sindaco Canocchi di far slittare la decisione e settembre e dopo aver accusato lo stesso sindaco di non aver avuto coraggio, è stata la volta del capogruppo di Su Per Colle Angela Bargi che ha invece accusato il Partito Democratico di incoerenza, per aver votato contro ad un bilancio che per molti aspetti ricalcava quello presentato dalla passata amministrazione. Infine ecco la presa di posizione di Juri Bettollini e Donato Montibello, responsabili del Pd per le politiche colligiane: “Un bilancio preventivo arruffato, senza anima né programmazione logica di lungo periodo. Un bilancio al quale il Partito democratico ha detto no perché è mancato il coraggio di diminuire le tasse, tenendo conto delle esigenze dei colligiani in un momento difficile come questo”.
“Nei giorni scorsi, per giustificarsi rispetto all'aumento delle tasse - continuano Bettollini e Montibello - il sindaco ha affermato l'impossibilità da parte del Comune di intervenire sulla Tari. In realtà, invece, in maniera incoerente rispetto a quanto dichiarato da Canocchi, è stata modificata la ripartizione percentuale dei costi del servizio, aumentando le utenze domestiche. Il Partito democratico si è offerto di ragionare insieme alla maggioranza per capire se ci fossero i margini per poter evitare gli aumenti a carico dei contribuenti. Ancora una volta, il sindaco e la maggioranza hanno preferito approvare la manovra, senza rifletterci ulteriormente e senza dare spazio a misure alternative”.
Al coro di critiche si sono aggiunte anche quelle dell'altra parte della minoranza colligiana in consiglio comunale, ovvero il Movimento 5 Stelle che ha spiegato la propria divergenza di vedute non tanto sui contenuti quanto per la celerità con cui è stato consegnato il documento del bilancio, tempi ristretti per una serio approfondimento: “Riteniamo che il bilancio preventivo – ha detto Roberto Galgani - non si discosti quasi per niente da quello degli anni precedenti, andando contro quel cambio di rotta determinante che, a suo tempo, era stato annunciato”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità